Jazz sull'albero per celebrare la ripartenza

'Two for tree', Fresu-Bonaventura in Università Perugia

PERUGIA - Musica, natura, cultura e sostenibilità ambientale sono i temi conduttori del concerto 'Two for tree and orchestra', un evento "della ripartenza" con protagoniste le note di Paolo Fresu (tromba, flicorno, effetti), Daniele di Bonaventura (bandoneon) e l'Orchestra da camera di Perugia ma anche un grande albero. Perché i due musicisti suoneranno seduti sui rami del cedro al centro del cortile del rettorato dell'Università del capoluogo umbro e l'orchestra disposta attorno al tronco. Il 19 luglio quindi, alle 20.30, all'interno dell'iniziativa "Jazz goes to University", l'Università degli Studi di Perugia e la Fondazione di partecipazione Umbria Jazz hanno voluto mettere insieme due grandi musicisti, tra i più creativi jazzmen italiani, come Fresu e di Bonaventura, particolarmente sensibili ai temi ambientali; un albero, caro a generazioni di studenti; l'Orchestra da Camera di Perugia, che con i due jazzmen ha già collaborato in progetti molto riusciti (per esempio, Altissima Luce, rilettura del Laudario di Cortona).

L'iniziativa è stata presentata in una conferenza stampa alla presenza del rettore Maurizio Oliviero e del membro del consiglio direttivo della Fondazione Uj, Gianluca Laurenzi, affiancati dagli assessori regionale e comunale alla Cultura, Paola Agabiti e Leonardo Varasano. "Grazie Italia, grazie italiani" è l'altro titolo suggerito dal rettore. "Perché con questo concerto - ha sottolineato Oliviero - le istituzioni culturali umbre vogliono ripartire e abbracciare e ringraziare idealmente tutto il Paese per quanto fatto durante i mesi di emergenza sanitaria". Come è stato ricordato da Laurenzi, il progetto, presentato anche l'anno scorso all'interno della Sagra Musicale Umbra, avrebbe dovuto concludere Umbria Jazz 20, che quest'anno a luglio non si farà a causa del Covid-19. Un concerto che si preannuncia emozionante, "in linea con gli impegni e le azioni intraprese da Umbria Jazz "a sostegno di politiche e comportamenti improntati alla sostenibilità ambientale" ha poi aggiunto. 'Two for Tree and Orchestra' vuole quindi essere - è stato detto - buona musica non meno che un forte richiamo alla responsabilità, che tutti dobbiamo condividere, di amare e tutelare i nostri alberi, per amore verso l'ambiente. Agabiti, dopo aver fatto un plauso alla sinergia creata da Università e Uj, ha evidenziato le qualità di un evento "che unisce arte, spettacolo, cultura, sostenibilità ambientale". "Il Covid - ha proseguito - ha messo a rischio tante programmazioni regionali ma l'Umbria sta dimostrando che, grazie alle misure prese e al senso civico dei cittadini, si può vincere la sfida della ripartenza". Anche per l'assessore Varasano la giornata del 19 luglio sarà "carica di significati", grazie al luogo dove si svolgerà e perché celebrerà un "nuovo inizio per la città, per l'Ateneo, per la regione e per Umbria jazz". L'evento - è stato sottolineato - sarà per 86 spettatori in presenza, ma Umbria Jazz cercherà di raggiungere un pubblico più vasto possibile grazie allo streaming sul web, ai propri canali social e quelli degli artisti, e a Radio Monte Carlo. Il concerto sarà trasmesso in streaming anche attraverso i canali di comunicazione del ministero degli Affari Esteri nell'ambito di un progetto di promozione della cultura.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie