Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Cinema
  4. Paolo Genovese, 'un Frank Capra sulle seconde possibilità'

Paolo Genovese, 'un Frank Capra sulle seconde possibilità'

Il primo giorno della mia vita, con Servillo, Mastandrea e Buy

 "IL PRIMO GIORNO DELLA MIA VITA certo che fa riferimento a Frank Capra e a 'La vita è una cosa meravigliosa', si può dire che è complementare a quel film. Lì c'era un angelo che faceva riflettere su cosa sarebbe successo se non si fosse mai nati, qui c'è un uomo misterioso proiettato verso il futuro che ti fa guardare alle cose che potrebbero capitarti se rinunci a morire". Così stamani Paolo Genovese parla del suo ultimo film, in sala dal 26 gennaio in 400 copie distribuite da Medusa.
    Questa la storia, tratta dal libro omonimo di Genovese (Einaudi). Un uomo misterioso (Toni Servillo) si presenta a quattro persone che si sono appena suicidate e offre loro una seconda possibilità: una settimana di tempo per farle rinnamorare della vita. In questi sette giorni i neo-morti potranno assistere ad alcune scene di come potrebbe essere il mondo senza di loro. E questo nella speranza di un loro ravvedimento.
    Ecco i quattro personaggi del film: Napoleone (Valerio Mastandrea), un motivatore di successo che a un certo punto non riesce a trovare motivazioni per continuare a vivere; Arianna (Margherita Buy), agente di polizia con un dolore troppo grande alle spalle; Emilia (Sara Serraiocco), campionessa di atletica leggera per troppe volte seconda nello sport e nella vita e, infine, Daniele (Gabriele Cristini) un ragazzino diventato influencer, suo malgrado, per le sue performance bulimiche.
    "Sì, è un film sulle seconda possibilità, un po' come era già per IMMATURI e UNA FAMIGLIA PERFETTA - spiega il regista a Roma -. Tutto nasce da un documentario, THE BRIDGE, realizzato dopo aver posto sul Golden Gate una telecamera che ha filmato per un anno intero chi si suicida lanciandosi da quel ponte. Poi nel film il regista è andato a intervistare quelli che si sono salvati scoprendo che, in quei sette secondi del tuffo, in tutti c'è stata la voglia di tornare indietro". E ancora Genovese: "È vero, era nato come un film da girare in America, avevo pensato a New York. Poi è arrivata la pandemia e la voglia di raccontare è stata più forte di quella di aspettare e poi la Roma che si vede nel film è una metropoli assoluta".
    Dice invece Servillo del suo misterioso personaggio: "È un ruolo che non ti fa stare troppo a tuo agio. E questo è sempre un bene per un attore. È ultraterreno e, allo stesso tempo, molto terreno, un uomo singolare che chiede il permesso ai suoi clienti di offrirgli una nuova opportunità" Sottolinea Mastandrea del suo Napoleone: "Faccio fatica a parlarne, è un personaggio molto buio e sono stato a disagio prima e dopo averlo interpretato. Bisognava rappresentare il senso di inspiegabile catastrofe che ognuno può incontrare nella sua vita".
    Il personaggio di Emilia, spiega Buy, "è una donna alla quale succede la cosa peggiore che può capitare: perdere un figlio. È così piena di rabbia e di un dolore che si porta sempre dentro".
    Dice infine l'attrice romana del film: "Il tema suicidio è scomodo, è un tabù. Quest'opera è un'apertura verso un problema che esiste e del quale si parla troppo poco". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie