Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Cinema
  4. Morto Renato Scarpa, fu Robertino di Ricomincio da tre

Morto Renato Scarpa, fu Robertino di Ricomincio da tre

82 anni, tra i film più noti anche Un sacco bello di Verdone

Si dice spesso che se in Italia esistesse la stessa considerazione che Hollywood riserva ai suoi caratteristi, nel nostro Paese si ritroverebbero i migliori. Tra questi non c'è dubbio che Renato Scarpa, nato a Milano il 14 settembre del 1939, morto oggi nella sua casa di Roma, si sia ritagliato uno spazio d'eccezione. Perché ha saputo declinare il suo talento e le sue passioni in mille sfaccettature diverse, perché non ha mai temuto le sfide, perché sapeva concentrare l'attenzione dello spettatore su quel suo faccione pieno di umanità e duttile nelle espressioni. Piccolo, capace di alternare il registro drammatico e quello comico senza mai perdere una sua immediata riconoscibilità, ha attraversato le stagioni del cinema italiano dalla fine degli anni '60 ad oggi ottenendo attenzione e fiducia da molti dei nostri migliori registi: i Fratelli Taviani che ne rivelarono il talento in "Sotto il segno dello scorpione" (1969) e "San Michele aveva un gallo" (1973; Nicolas Roeg e Dario Argento che gli diedero una patina di ambiguità in "A Venezia un dicembre rosso shocking" e "Suspiria"; Giuliano Montaldo che lo vestì da frate in "Giordano Bruno". E poi Bellocchio, Comencini, Rossellini, Monicelli, Cavani, Risi per non citarne che alcuni.

 

In genere il caratterista viene usato per una sorta di controcanto rispetto all'eroe protagonista, ma nel suo caso, Scarpa sapeva sempre ritagliarsi una dimensione autonoma e regalava ai suoi personaggi un plus di umanità come nell'inflessibile preside di "La stanza del figlio" o l'abile cardinale di "Habemus Papam" per Nanni Moretti. Per il grande pubblico però divenne popolare grazie a tre fortunati incontri: con Carlo Verdone (l'impagabile ipocondriaco di "Un sacco bello"), Massimo Troisi (l'impacciato Robertino di "Ricomincio da tre") e Luciano De Crescenzo ("Così parlò Bellavista"). In tutti questi casi dalla bisaccia di Renato Scarpa uscì una verve comica che - alla maniera di Totò - contrastava con lo sguardo malinconico e proprio per questo "bucava" lo schermo. Del resto l'attore aveva cavalcato con ottimi risultati (più di 100 ruoli tra cinema e tv fino alla recente serie "Rocco Schiavone" del 2019) tutti i generi del cinema italiano, dalla farsa al western, dall'avventura, al melodramma. Era un bagaglio coltivato con pazienza e passione fin dall'adolescenza, prima sui palcoscenici teatrali milanesi e poi al Centro Sperimentale di cinematografia di Roma. Poteva essere eroico e ambiguo, ammiccante e sobrio, dolce e severo: la sua faretra conosceva tutte le armi della seduzione espressiva e per questo ha avuto una carriera ricca di soddisfazioni comprese le candidature ai David di Donatello. Ma certamente gli restava il rimpianto di una mancata gloria se non "a fianco di". Piace ricordarlo per questo soprattutto in una recente interpretazione che ne riassume bene l'umanità e la bravura attoriale: in "Diaz" (2012) Daniele Vicari gli affida il ruolo dell'umile pensionato coinvolto senza alcuna responsabilità negli scontri con la polizia durante il G8 di Genova. Nel suo sguardo smarrito, nei suoi occhi azzurri che contemplano la brutalità della violenza senza poter opporre ragione alla forza, il regista riassume il senso stesso del film e quel personaggio minore (realmente esistito del resto) diventa l'autentico protagonista, il testimone silenzioso di una pagina dolorosa della nostra storia. Oggi che Renato Scarpa se ne è andato, in silenzio e i solitudine com'era il suo stile, lo si ricorda proprio come piccolo, grande protagonista della nostra memoria collettiva.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie