Cortellesi-Milani, tutto cambia e il dopo inquieta anche

Coppia in quarantena, tra film, letture e desiderio di parco

Lei consiglia "Il cinema secondo Hitchcock", un testo di culto di Francois Truffaut (sul loro incontro leggendario nel '62 è stato fatto anche un documentario emozionante), lui preferisce un film, Captain Fantastic, ma soprattutto "stare con le persone a cui si vuole bene, visto che abbiamo la fortuna di averle in casa, toccarle, parlarci, trascorrere tempo che nel mondo precedente era complicato". Sono Paola Cortellesi e Riccardo Milani, una coppia nella vita oltre che creativa di commedie intelligenti e molto popolari da Come un gatto in tangenziale a Ma cosa ci dice il cervello.

Raccontano la loro quarantena, in casa con la figlia Laura di 7 anni, a Prima e dopo il virus: parla il cinema italiano, a cura di Mario Sesti, testimonianze raccolte da Fondazione cinema per Roma e online. Sono convinti entrambi che il mondo sia in cambiamento e che per raccontarlo "bisognerà tenerne conto", dice l'attrice.

Milani spiega la propria inquietudine: "Ho la percezione che le persone per tornare alla normalità intendano ridiventare gli stronzi di prima, aggressivi, dediti alla competizione becera più violenta. I primi otto, dieci giorni di questa esperienza avevo avuto come l'impressione che da tutto questo saremmo usciti con un senso della collettività maggiore, ora questa speranza mi sembra si stia sfaldando purtroppo". La prima cosa a lockdown revocato? "Recuperare le tante cose ci sembravano piccole ma ora sono impossibili, come portare i figli al parco a giocare con altri bambini" dice mamma Paola che su Instagram si è incontrata con l'amica Laura Pausini. "Uscire di casa a fare una passeggiata con mia moglie e mia figlia e riabbracciare le figlie grandi. E poi però tornare al montaggio". 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie