Cinema a NY dopo un anno, fine della crisi delle sale?

Si riparte con Tenet ma capienza limitata al 25%

Il cinema torna nella città di New York dopo un anno di assenza. Il governatore dello stato di New York Andrew Cuomo ha infatti annunciato che dal 5 marzo potranno riaprire le sale cinematografiche in tutte e cinque le municipalità tuttavia con una capienza limitata al 25% oppure un massimo di 50 persone. Il film che avrà il compito di invogliare di nuovo il pubblico ad andare al cinema sarà Tenet, il thriller fantascienza di Christopher Nolan che a livello mondiale ha incassato 363 milioni di dollari. Tra Usa e Canada invece 58 milioni di dollari.
    Nonostante il semaforo verde, non tutte le catene, o sale indipendenti, hanno optato per la riapertura . AMC, la più grande degli Stati Uniti, riaprirà tutte e 13 le location. Regal Cinemas ha invece scelto la serrata e non conta di riaprire almeno finche' non sarà più chiaro il quadro degli sviluppi della pandemia anche in California.
    Con Los Angeles ancora chiusa, New York diventa così la piazza più importante del paese a livello cinematografico e anche quella che potrebbe dare indicazioni sulla piega che prenderà il settore dopo che i canali tradizionali di distribuzione sono stati sconvolti così come anche le date di uscita dei film.
    Ovviamente una capienza al 25% significa zero guadagni per i proprietari di sale cinematografiche e si spera che con la rapida diffusione dei vaccini Cuomo possa concedere almeno un 50% a breve tempo.
    "Con la riapertura di New York - ha detto ottimista Joe Masher, presidente di NATO New York (National Association of Theater Owners) le case di produzione saranno più fiduciose nel mantenere le date di uscita come programmato, il che rappresenta un enorme passo nel processo di ripresa di tutto il settore".
    Resta l'incognita del pubblico. Tornerà ad andare al cinema nonostante lo spettro del Covid? E soprattutto sarà disposto a rinunciare alla possibilità di avere a disposizione di telecomando tutte le nuove uscite cinematografiche, in particolare dopo che la Warner Bros alla fine dello scorso anno ha annunciato che tutte le sue nuove uscite del 2021 saranno contemporaneamente al cinema e sulla piattaforma in streaming HBO Max di fronte ad una finestra di permanenza nelle sale cinematografiche che era di 90 giorni. La Universal ha invece reso noto che ridurrà i tempi a 17 giorni. Lo stesso farà Cinemark. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie