Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giallo di valigie coi morti, Elona Kalesha fa ricorso in appello

Giallo di valigie coi morti, Elona Kalesha fa ricorso in appello

Donna ebbe 30 anni, unica condanna per l'omicidio dei suoceri

FIRENZE, 02 aprile 2024, 19:17

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Le risultanze del processo di primo grado a Elona Kalesha è caratterizzato da molte zone d'ombra","non è possibile condannare per omicidio una persona" che "non si sa se abbia ucciso, non si è ipotizzato come abbia ucciso, si ignora con chi avrebbe ucciso e perché lo avrebbe fatto". Anche così gli avvocati difensori Federico Febbo e Antonio D'Orzi hanno proposto ricorso in corte di appello contro la condanna a 30 anni inflitta in primo grado a Elona Kalesha, la donna albanese di 39 anni imputata di aver ucciso e fatto a pezzi i genitori del suo ex fidanzato. I resti mortali di Teuta e Sphetim Pasho, scomparsi da Firenze nel novembre 2015, furono scoperti in modo fortuito dentro quattro valigie abbandonate in un campo tra la Fi-Pi-Li e il carcere di Sollicciano, a Firenze, nel dicembre 2020. Il processo in assise d'appello si aprirà il 18 settembre.
    "Tanti, troppi ragionevoli dubbi aprono una voragine forse incolmabile circa la ricostruzione di fatti datati otto anni fa", si legge nel ricorso firmato dai difensori.
    "Non esiste alcuna risultanza istruttoria che consenta di individuare l'appartamento di via Fontana quale il luogo dove è stato consumato l'omicidio - proseguono -. Dopo che l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che le due valigie portate via dall'appartamento di via Fontana non sono" quelle "contenenti i resti delle vittime è disarticolato l'elemento indiziario principale che ha orientato le indagini e ha condotto all'arresto di Elona Kalesha".
    Elemento messo in risalto dalla difesa è "la dinamica" che "è ricondotta dai medici legali con ogni probabilità all'azione" di più persone "tant'è che abbandonata l'improbabile ipotesi iniziale di una condotta addebitata sostanzialmente ad una persona, Elona Kalesha, si propende ora per una condotta plurisoggettiva con il concorso di ignoti, la cui individuazione non è più neppure ipotizzata dopo che inizialmente erano stati indagati due soggetti".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza