Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Carceri, detenuto 32enne si toglie la vita a Cagliari

Carceri, detenuto 32enne si toglie la vita a Cagliari

Era arrivato da pochi giorni, trovato morto nella sua cella

CAGLIARI, 02 aprile 2024, 16:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un detenuto di 32 anni, rinchiuso da pochi giorni nel carcere di Uta (Cagliari) si è tolto la vita la scorsa notte. E' il secondo detenuto suicida nelle carceri sarde nel giro di pochi giorni, dopo il 52enne morto a Bancali (Sassari).
    Lo hanno reso noto la garante per i detenuti della Sardegna, Irene Testa, e i sindacati di polizia penitenziaria UilPa e Sappe.
    Il detenuto era arrivato pochi giorni fa a Uta. Si sarebbe suicidato impiccandosi all'interno della cella. "È ormai una strage ingravescente che sembra non avere più alcun controllo né fine - ha evidenziato Irene Testa -. Mi unisco al resto della comunità penitenziaria nel senso di sbigottimento e di impotenza davanti all'indifferenza delle Istituzioni, del Governo, del Parlamento, del Ministro della Giustizia. Muoiono le persone in questo modo quando vengono meno le istanze di una civiltà del diritto".
    Dello steso avviso Gennarino De Fazio, segretario della Uilpa: "L'ennesimo morto per impiccagione nelle nostre galere, dove ormai si va incontro a una pena di morte di fatto, si inserisce in un quadro di crisi inarrestabile se non con interventi immediati e d'impatto che prendano atto dell'emergenza forse davvero senza precedenti, quanto meno a guardare il numero record di coloro che si tolgono la vita".
    Per Donato Capece, segretario generale del Sappe, "si potrebbe ipotizzare un nuovo sistema penitenziario articolato su tre livelli: il primo, per i reati meno gravi con una pena detentiva non superiore ai 3 anni, caratterizzato da pene alternative al carcere, quale è l'istituto della messa alla prova; il secondo livello è quello che riguarda le pene detentive superiori ai 3 anni, che inevitabilmente dovranno essere espiate in carcere, ma in istituti molto meno affollati.
    Il terzo livello, infine, è quello della massima sicurezza, in cui il contenimento in carcere è l'obiettivo prioritario".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza