Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Triplice femminicidio, difesa De Pau chiede perizia psichiatrica

Triplice femminicidio, difesa De Pau chiede perizia psichiatrica

I giudici si sono riservati decisione all'esito del dibattimento

ROMA, 22 febbraio 2024, 11:58

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I difensori di Giandavide De Pau, l'uomo autore del triplice femminicidio di Prati nel novembre del 2022, ha chiesto ai giudici della Corte d'Assise di Roma, nel corso della prima udienza del processo, una perizia psichiatrica al fine di valutare la capacità di intendere e di volere dell'imputato. Sul punto i giudici si sono riservati di decidere all'esito del dibattimento.
    Nel corso dell'udienza sono state depositate le liste testi. I difensori di De Pau, gli avvocati Alessandro De Federicis e Barbara De Benedetti, hanno citato anche i due ufficiali di polizia giudiziaria che nel 2019 ascoltarono De Pau in merito alla sua "autoaccusa" dell'uccisione di David Rossi, responsabile della comunicazione di Mps morto a Siena nel 2013.
    Parole a cui non fu dato seguito in quanto nel corso del colloquio in carcere gli inquirenti si resero conto delle condizioni psichiche in cui si trovava all'epoca. I giudici hanno deciso di non ammettere i due testi ma hanno disposto di acquisire il verbale di quell'incontro.
    Infine tra le costituzioni di parte civili, oltre ai parenti delle vittime, ammessa anche quella dell'Associazione italiana vittime vulnerabili di reato. Il processo è stato aggiornato al 25 marzo per sentire le forze dell'ordine che hanno fatto le indagini.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza