Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Crollo Firenze, alcuni tecnici del cantiere interrogati come testimoni

Crollo Firenze, alcuni tecnici del cantiere interrogati come testimoni

Sentiti come persone informate sui fatti

FIRENZE, 22 febbraio 2024, 19:55

Redazione ANSA

ANSACheck

Un particolare del solaio crollato durante i sopralluoghi del personale Asl nel Cantiere Esselunga - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un particolare del solaio crollato durante i sopralluoghi del personale Asl nel Cantiere Esselunga -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Un particolare del solaio crollato durante i sopralluoghi del personale Asl nel Cantiere Esselunga - RIPRODUZIONE RISERVATA

Alcuni tecnici responsabili dei lavori nel cantiere del crollo di Firenze sono stati sentiti in questi giorni dalla polizia giudiziaria ma, secondo quanto emerge, ad ora sono stati interrogati come persone informate sui fatti, cioè come testimoni ascoltati per le prime informazioni. Lo si apprende a margine dell'inchiesta condotta dalla procura fiorentina per omicidio plurimo colposo e disastro colposo sul cedimento strutturale di via Mariti che ha causato cinque morti e tre feriti gravi il 16 febbraio. 

Non è escluso che altri tecnici vengano sentiti e che gli stessi siano interrogati di nuovo nel prosieguo dell'inchiesta. Secondo quanto emerge, fra i tecnici già sentiti risulterebbero quelli incaricati della direzione dei lavori, quelli della progettazione e direzione delle opere strutturali, il responsabile dei lavori ex d.lgs 81/2008. I loro verbali come persone informate sui fatti sono raccolti dagli organi di polizia giudiziaria, fra cui anche la Asl Toscana Centro con il Dipartimento di prevenzione degli infortuni sul lavoro, e vengono messi a disposizione dell'inchiesta aperta in procura.

I pm di Firenze che indagano sul crollo di via Mariti potrebbero organizzare più perizie tecniche sul cedimento strutturale, ma ci vorrà ancora tempo per affidare gli incarichi ai consulenti. E' quanto si apprende a margine dell'inchiesta. Una perizia riguarderà lo stato della trave che ha ceduto, causando poi lo sfondamento dei solai sottostanti, le cinque vittime e i tre feriti. Ma gli accertamenti tecnici, secondo quanto emerge, potrebbero riguardare anche altri aspetti delle varie fasi di costruzione.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza