Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Vittime di Rupnik vengono allo scoperto, 'cada il muro di gomma'

Vittime di Rupnik vengono allo scoperto, 'cada il muro di gomma'

"Noi abusate psichicamente, fisicamente e sessualmente"

ROMA, 03 aprile 2024, 13:34

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Vengono allo scoperto per la prima volta in pubblico due presunte vittime del gesuita Marko Rupnik.
    Si tratta di Mirjiam e Gloria, due donne slovene ex componenti della Comunità Ignazio di Loyola. "Ci siamo conosciute in comunità - ha spiegato in una conferenza stampa Mirjam con al fianco Gloria - eravamo tutte ragazze giovani, piene di ideali ma proprio questi ideali insieme alle nostra formazione all'obbedienza sono stati sfruttati per abusi di vario genere: di coscienza, di potere, spirituali, psichici, fisici e spesso anche sessuali". "Ci siamo trovate davanti a un muro di gomma - hanno detto in una conferenza stampa presso la sede della Stampa Estera a Roma -, che il muro si sgretoli". 

 Le vittime venute allo scoperto sono due ex suore, una italiana e l'altra slovena. Gloria, quella italiana, ha raccontato la sua storia, fin dai tempi in cui giovane studentessa di medicina a Roma conobbe Rupnik che era già considerato un padre spirituale di riferimento. "All'inizio - ha detto - mi sono sentita disorientata, confusa perchè Rupnik è entrato nel mio mondo spirituale deformando anche la mia relazione con il Signore, è entrato con l'autorità del padre spirituale, del confessore e anche come garante del carisma della nascente comunità". Una storia fatta di abusi, ha detto, ma soprattutto "un vero abuso di coscienza", in cui dominavano "manipolazione e plagio", "Rupnik è in grado di manipolare molte persone attorno a sè creando una rete di contesto molto ampia, era un contesto abusante". 

 "Oggi abbiamo raccontato la nostra storia, il nostro desiderio è che venga riconosciuta la verità, il torto che abbiamo subito, che ci sia data anche una visibilità perchè noi siamo tante ma ci chiedono il silenzio, di scomparire in qualche modo, ci discreditano e non è più accettabile". Lo dice Gloria, una delle due ex suore della Comunità di Loyola che oggi ha pubblicamente parlato degli abusi psichici e sessuali subiti dal sacerdote gesuita Marko Rupnik, anche noto artista.
Gloria ha risposto a una specifica domanda su che cosa voglia dire a papa Francesco proprio oggi, giorno del quinto anniversario del summit sugli abusi sui minori indetto dallo stesso Francesco in Vaticano.
Secondo le due ex suore che sono venute oggi allo scoperto, sono circa una ventina le religiose abusate all'interno della Comunità negli anni su un totale di 40 membri. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza