Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Su Fb video manganellate e protesta sotto pioggia a Cpr Milano

Su Fb video manganellate e protesta sotto pioggia a Cpr Milano

Postato dalla Rete No Cpr, agenti in tenuta antisommossa

MILANO, 11 febbraio 2024, 20:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Due migranti ospiti del Cpr di via Corelli a Milano la notte scorsa si sono sdraiati per terra, sotto la pioggia, con solo gli slip indosso, per protestare contro le condizioni del Centro di permanenza per i rimpatri, commissariato lo scorso dicembre. Lo si vede in un video postato dalla rete 'Mai più lager - No ai Cpr'. Sulla stessa pagina Facebook, in un altro video, si vedono agenti della guardia di finanza in tenuta antisommossa e due ospiti presi a manganellate. "I due - scrive la rete No Cpr - sono stati portati in infermeria: uno con una gamba visibilmente rotta e l'altro, il più giovane, quasi esanime, a braccia".
    Secondo la rete No Cpr, la 'protesta della pioggia' è nata dalle condizioni all'interno del centro: nonostante molti degli ospiti "siano ricoperti di macchie pruriginose su tutto il corpo (scabbia? cimici? Intossicazione?) non ricevono cure neppure quando hanno la fortuna di riuscire ad accedere all'infermeria: la solita infermeria dove gli unici farmaci sui quali non si lesina sono quelli sedativi, la "terapia"". E poi "Il cibo, oltre ad essere in porzioni letteralmente da fame, dicono sia immangiabile", "I bagni, il solto sfacelo in condizioni igieniche indegne".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza