Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Destituito dal comando il generale Vannacci dopo la bufera sul libro

Destituito dal comando il generale Vannacci dopo la bufera sul libro

Il commento: 'Non mi aspettavo il polverone, replicherò solo nelle sedi opportune'

19 agosto 2023, 16:29

di Marco Maffettone

ANSACheck

Il generale Vannacci - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il generale Vannacci - RIPRODUZIONE RISERVATA
Il generale Vannacci - RIPRODUZIONE RISERVATA

  Il generale Roberto Vannacci, travolto dalle polemiche sul suo libro in cui esprime opinioni contro gay, femminismo e migranti, è stato sollevato dal comando e non è più a capo dell'Istituto geografico militare. Lo ha deciso lo Stato Maggiore dell'Esercito che ha nominato al suo posto il generale Massimo Panizzi. Vannacci resta a disposizione del comando delle forze operative terresti nella sede del capoluogo toscano.

 

La decisione era prevedibile dopo la netta presa di distanza di giovedì da parte della forza armata e la bufera che si era scatenata per le sue parole. In una nota ufficiale l'Esercito aveva infatti affermato di non essere a conoscenza "dei contenuti" del libro e che i vertici militari non sono stati sollecitati da Vannacci per una "autorizzazione o valutazione" che, invece, deve essere richiesta quando si scrive di argomenti relativi al servizio.

Lo stesso ministro della Difesa, Guido Crosetto, aveva annunciato un esame disciplinare. Una posizione ribadita anche nel corso della giornata. "Chi serve il paese guidando pro tempore un'istituzione come la Difesa deve solo limitarsi a mantenere distacco ed applicare le regole e le norme. Nulla più, nulla di meno" ha affermato aggiungendo, poco dopo che era diventata di dominio pubblico la rimozione del generale, che "non esistono processi sommari fatti su social o media ma solo leggi e codice dell'ordinamento militare". E che il generale dovesse tenere tutt'altro comportamento, il ministro lo scrive chiaramente. "Le forze armate, cui è consentito, per legge e Costituzione, l'uso della forza, devono operare prive di pregiudizi di ogni tipo (razziali, religiosi, sessuali). Perché tutti devono sentirsi sicuri. Chi indossa una divisa ha le sue opinioni ma se la porta le tiene per sé e la onora".

Dal canto suo Vannacci non replica a quanto deciso dallo Stato Maggiore ma va in tv a ribadire la sua posizione, senza alcuna retromarcia: "non faccio passi indietro". "Quando scrivevo questo libro sapevo che avrebbe dato da discutere - spiega - ma sicuramente non mi aspettavo questo polverone. Non replicherò a decisioni che arrivano da una catena gerarchica. Lo farò nelle sedi opportune".

Per l'ex incursore con numerose esperienze in missioni all'estero, con ruoli anche di primissimo piano, "obiettivo" del libro autoprodotto "era quello di manifestare delle opinioni che sono personali. Fondamentalmente i temi a cui mi riferisco sono quelli del buon senso e quella che io definisco la normalità, ovvero quello che pensa la maggior parte della popolazione". Parlando, poi, delle polemiche nate sulle affermazione sulle coppie gay, il generale ribadisce i concetti espressi nel libro: gli "omosessuali rappresentano una porzione minoritaria della società e come tali escono dai canoni della normalità. Io ho sempre rifuggito la normalità nella mia carriera, in quello che ho fatto e non per questo mi devo sentire migliore o peggiore di qualcun altro". Vannacci si appella, quindi, alla "Costituzione che garantisce la libertà di parola". E si dice certo di non avere istigato all'odio e rilancia: "io non mi sento di fare passi indietro, rivendico quanto ho scritto. Non uso mai parole volgari o triviali: esprimo liberamente i miei pensieri". E ancora: "Io combatto il pensiero unico che vieta la critica ad una determinata categoria di persone", dice, spiegando che "l'odio è un sentimento, come l'amore, e quindi io penso che sia lecito provare disprezzo per qualcosa o per qualcuno. Questo non vuol dire istigare alla violenza: sono libero di provare odio per gli stupratori o per chi fa del male ai bambini. Questo non vuol dire che stia istigando al linciaggio di queste persone".

Nessun passo indietro neanche su quanto messo nero su bianco, nelle oltre 300 pagine del "Mondo al contrario", sulla campionessa di volley Paola Egonu, definita sostanzialmente non "somaticamente italiana". "Non vedo perché dovrei porgere delle scuse per una espressione che non è assolutamente offensiva: il vedere una bravissima pallavolista dalla pelle scura - è il suo ragionamento - non la identifica in maniera immediata come italiana perché da 6 mila anni lo stereotipo dell'italiano è quello di uomo bianco. Questo non vuol dire che gli uomini bianchi siano superiori a quelli neri". Per il Pd è "giusta la destituzione" del generale anche se "un semplice trasferimento non è sufficiente" perché "la sua presenza ai vertici dell'Esercito continua a recare discredito e disonore alle forze armate". Ma si registrano anche posizioni diametralmente opposte: l'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, afferma che "anche ammettendo che il comportamento del Generale sia stato criticabile, il ministro non poteva e non doveva censurarlo in modo così brutale". Ma c'è chi si spinge oltre come Mauro Giannini, sindaco di Pennabilli, per il quale Vannacci "è un patriota" e chiede "rispetto per il suo pensiero".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza