Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Padre adottivo mette una telecamera nella stanza della figlia gay, lei lo denuncia

Padre adottivo mette una telecamera nella stanza della figlia gay, lei lo denuncia

Il Gip di Napoli chiede ulteriori indagini

NAPOLI, 07 agosto 2023, 23:01

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 Un supplemento di indagini è stato chiesto dal gip di Napoli nei confronti di un uomo, padre adottivo di una ragazza maggiorenne, che, dopo avere scoperto l'omosessualità della figlia, ha installato una telecamera nella stanza della ragazza per spiarla.


    Dopo 12 anni vissuti in un orfanotrofio lituano, la ragazza ha iniziato una nuova vita in Italia, con una sorellina, grazie a quell'adozione.

I primi anni sono trascorsi serenamente, poi l'omosessualità della ragazza, inizialmente nascosta e in seguito rivelata, prima alla mamma e poi anche al padre, si è trasformata in un problema, in particolare per il genitore, che ha iniziato a spiarla con una telecamera nascosta.
    L'autorità giudiziaria ha ritenuto sussistente il reato di interferenza illecita nella vita privata della ragazza in relazione all'installazione, proprio di fronte al letto della figlia, della telecamera e ha chiesto ulteriori accertamenti.
   
Nel frattempo i rapporti tra la giovane e i genitori si sono incrinati e lei ha abbandonato la casa. "Dai miei genitori mi aspettavo un normale rapporto - dice Rebecca - senza segreti, comprensivo. Confidavo anche in una mentalità più aperta da parte loro, cosa che purtroppo non c'è stata".
    Insieme con il suo avvocato, Sergio Pisani, Rebecca - consegnando registrazioni audio e conversazioni in chat - ha anche denunciato che il padre, spacciandosi per persone inesistenti, attraverso il web aveva tentato di indurla a compiere atti sessuali. Il giudice però dopo avere analizzato gli atti ha ritenuto insussistente quella tipologia di reato.
    Per l'autorità giudiziaria, in sostanza, "gli eccentrici e (almeno apparentemente) 'spregevoli' comportamenti" dell'uomo "costituirebbero soltanto una messinscena, finalizzata a provocare la figlia e ad indurla a rivelargli le sue esperienze sessuali: ciò allo scopo di comprendere il suo orientamento e se esso fosse effettivamente concretizzato in rapporti intimi con altre ragazze". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza