Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. La strage sulle strade, 25 le vittime nel fine settimana

La strage sulle strade, 25 le vittime nel fine settimana

Bimbo un anno muore in Piemonte. Braccio semi amputato a un 23enne

Numeri da strage anche in questo weekend sulle strade italiane, con 25 morti e diversi feriti, secondo i dati dell'Associazione amici della Polizia stradale che da anni tiene la triste conta.

La vittima più giovane è un bambino di un anno e mezzo che ieri sera a Nizza Monferrato (Asti) era stato trasportato in ospedale ad Alessandria in condizioni gravissime ed è deceduto oggi. Nello schianto è rimasta ferita anche la madre, in modo grave, il padre, entrambi di origine macedone, e un'altra persona: il piccolo era a bordo di una Citroen con i genitori che si è scontrata con un Suv Audi sulla provinciale 28. Al momento dell'impatto tra le due auto, una delle quali si è ribaltata, stava piovendo.

E proprio le strade bagnate dalla pioggia ma anche la nebbia e il buio hanno contribuito a far crescere un conto già pesante, dopo i quattro ragazzi che hanno finito la propria vita a San Giustino Umbro, mentre stavano andando in discoteca, nella notte tra venerdì e sabato: Luana Ballini, 17 anni, Natasha Baldacci, Nico Dolfi e Gabriele Marghi, 22enni.

L'Asaps segnala che a novembre nei fine settimana sono morte 79 persone sulle strade, di cui 13 motocilisti, sette ciclisti e 12 pedoni. Nel periodo estivo erano stati 448 i morti tra giugno, luglio e agosto, a ottobre 139.

Al bimbo morto in Piemonte, si aggiunge oggi una donna di 69 anni, finita con la sua auto contro un albero sulla strada provinciale vicarese a San Giovanni alla Vena, frazione del comune di Vicopisano (Pisa). In Sicilia, invece, un uomo di 67 anni, Biagio Cocchiaro, alla guida di un Suv, stava percorrendo la Sp51 Gela-Scoglitti quando si è schiantato frontalmente con un furgone ed è morto sul colpo. In Friuli, il conducente di un'auto è stato trovato senza vita dopo che il mezzo su cui viaggiava ha finito la sua corsa in un canale, nel primo pomeriggio a Monfalcone (Gorizia).

 Già tra venerdì e sabato c'erano stati altri incidenti mortali. A Nembro, in provincia di Bergamo, una Volkswagen Golf con a bordo quattro giovani è finita fuori strada all'altezza di una curva e si è ribaltata in un fosso. Uno dei quattro, Manuel Rota Graziosi, 22 anni, non ce l'ha fatta, gli altri sono rimasti feriti. Nella notte un'altra donna, 30 anni è morta e altre due persone sono rimaste ferite a Milano, in via Melchiorre Gioia, non distante dalla stazione centrale. Poi un diciottenne a Sondrio: era in auto con due coetanei e stavano andando a scuola, lui è deceduto, gli amici sono stati ricoverati in gravi condizioni.

E ancora, un 47enne è morto ieri verso mezzogiorno, schiantandosi contro il guardrail sulla tangenziale di Milano. A Sant'Egidio, frazione alle porte di Ferrara, ieri ha perso la vita una donna di 82 anni, uscita di strada e finita in una scarpata: il terzo mortale in tre giorni, dopo un 27enne a Migliaro di Fiscaglia e il 16enne Manuel Ntube, giovane promessa del Padova Calcio falciato in bicicletta su via Pomposa, da un automobilista che si è costituito tre ore dopo.

 Un altro 47enne è morto alla guida di un furgone a Saccologno, nel Padovano, e un motociclista di 46 a Scicli, nel Ragusano, finendo contro un palo della luce, intorno alle 15 del 2 dicembre.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie