Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. Dipendente Marina morì per mesotelioma, Difesa condannata

Dipendente Marina morì per mesotelioma, Difesa condannata

Ministero dovrà dare 100 mila euro a moglie e figli

(ANSA) - GENOVA, 12 GIU - Il ministero della Difesa è stato condannato a risarcire 100 mila euro ai familiari, moglie e due figli, di un ex dipendente civile della Marina Militare scomparso per mesotelioma nel 2017. La sentenza, che riconosce il risarcimento del danno al "iure hereditatis", è stata emessa nei giorni scorsi dal tribunale del lavoro di La Spezia. Il caso è ancora pendente al tribunale a Genova, competente per lo "iure proprio", con udienza fissata nel prossimo mese di settembre. In questo caso la richiesta di risarcimento è superiore al milione di euro. Si definiscono danni "iure proprio" quelli subiti dai congiunti (lesione del rapporto parentale) mentre lo "iure hereditatis" rappresenta il danno subito dalla vittima che è risarcibile ai superstiti.
    L'uomo è stato un dipendente civile al Maricommi della Spezia dal 1958 al 1994, praticamente un tuttofare. Secondo l'avvocato Elisa Ferrarello dello Studio Legale Frisani l'amianto era nei pannelli dei quadri elettrici, nelle canne fumarie, nelle guarnizioni delle caldaie. Il giudice ha dichiarato come il ministero non abbia saputo indicare, nel procedimento, nessun accorgimento concreto preso per salvaguardare lui e gli altri dipendenti, come avrebbe dovuto invece fare, per andare esente da colpe; né di aver provveduto all'aspirazione di "polveri nocive". Una mancanza di scelte in un quadro che già dal primo '900 rendeva chiaro, secondo il giudice, come la presenza nei luoghi di lavoro dell'amianto dovesse essere sottoposta a particolari cautele perché insalubre e pericolosa. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie