Cronaca

Minacce a Marco Bentivogli, inviata lettera con proiettili

Nella lettera riferimenti alla vicenda Ilva

Questa mattina alle 6.40 è stata rinvenuta, presso l'abitazione di Ancona , una lettera di minacce nei confronti di Marco Bentivogli, della sua famiglia e dei ragazzi della scorta. E' quanto si legge in una nota dello staff dell'ex sindacalista.

Ad accompagnare la lettera, 10 proiettili carichi, 5 per fucile a pallettoni 5 per pistola 7.65. Sul posto sono immediatamente intervenute le forze dell'ordine e la polizia scientifica.

Nella lettera riferimenti alla vicenda Ilva, e 10 proiettili carichi, cinque per fucile a pallettoni cinque per pistola 7.65.

Bentivogli, 51 anni, - ora coordinatore dell'associazione Base Italia - è stato anche segretario provinciale Fim Cisl a Bologna e poi ad Ancona, è sotto scorta dal dicembre 2017 quando era ancora segretario generale Fim-Cisl:

l'Ucis (Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale) accordò la protezione dopo due aggressioni e varie minacce di morte arrivate nell'ambito delle vicende Ilva e Fiat-Fca.

Dopo queste nuove minacce ad Ancona si è proceduto a intensificare il dispositivo di tutela assegnato.

Nel giugno 2020 una busta venne trovata vicino all'abitazione a Roma di Bentivogli: conteneva una lettera con minacce e riferimenti alla ricorrenza dei dieci anni dell'accordo per la Fiat di Pomigliano, oltre a due cartucce di pistola calibro 38 e due calibro 9.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie