Vizio di forma, processo dopo 16 anni

In Corte d'appello a Torino si discute sentenza del 2003

(ANSA) - TORINO, 25 MAR - Sedici anni fa un giudice del tribunale di Torino, dopo avere rilevato un 'vizio di forma', assolse e scarcerò un gruppo di italiani e albanesi accusati a vario titolo di associazione per delinquere, droga e prostituzione. La sentenza, pronunciata il 20 ottobre 2003, è arrivata al vaglio della Corte d'appello. Gli imputati sono dodici.
    Il 'vizio di forma' riguardava l'utilizzabilità delle intercettazioni telefoniche. I magistrati di Biella - che stavano svolgendo i primi accertamenti investigativi - non avevano specificato che si trattava di operazioni da svolgere con "urgenza": all'udienza preliminare il giudice prese atto dell'anomalia e, al termine di un rito abbreviato, stabilì che le telefonate non erano utilizzabili. Nel corso degli anni la disciplina in materia è stata rivisitata dalla Cassazione. Lo scorso gennaio, a Biella, si è concluso - in primo grado - il processo parallelo contro altri componenti della presunta banda; oggi a Torino è cominciata la rilettura della sentenza del 2003.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
      TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

      Video ANSA