Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mafia: L. Orlando, omicidio Di Matteo sconvolse il Paese

Mafia: L. Orlando, omicidio Di Matteo sconvolse il Paese

Iniziative a San Giuseppe Jato per anniversario

PALERMO, 11 gennaio 2022, 10:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Un omicidio che ha sconvolto tutto il paese e ha aperto gli occhi di molti, smentendo quel falso mito secondo cui 'la mafia non uccide i bambini'. Il brutale assassinio di Giuseppe Di Matteo è una ferita ancora sanguinante nella storia del nostro paese perché ci ricorda la bestialità mafiosa che non dobbiamo mai dimenticare e di come questa abbia distrutto le vite di tante altre famiglie, i cui figli sono stati uccisi dalle mafie. Non dimentichiamoli e portiamo avanti, insieme, il valore della cultura della vita". Lo dice il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, nell'anniversario dell'omicidio di Giuseppe Di Matteo, rapito a 12 anni e ucciso a San Giuseppe Jato, l'11 gennaio 1996, dopo che la mafia aveva tentato di zittire il padre, il pentito Santino Di Matteo. Il cadavere del ragazzino, ucciso dopo circa 25 mesi di prigionia, venne sciolto in un fusto di acido. La Commissione straordinaria del Comune di San Giuseppe Jato, l'sssociazione Libera, il Gruppo archeologico Valle dello Jato e le scuole del luogo hanno organizzato oggi iniziative per ricordare l'orribile delitto. Alle 9,30 si è tenuto nel Giardino della memoria in contrada Giambascio la piantumazione di alcuni alberi. Alle 10,45, alla Casa del Fanciullo, sede dell'amministrazione comunale, c'è la presentazione del progetto del "Parco urbano Giuseppe Di Matteo" che sarà realizzato in terreni confiscati alla criminalità organizzata, utilizzando parte dei fondi assegnati dal Ministero dell'Interno. Al termine, sarà scoperta, in piazza Falcone e Borsellino, una mattonella in ceramica realizzata grazie al progetto curato dal presidio di Libera Valle Jato. Sarà formalizzata l'accettazione della donazione della statua del piccolo Di Matteo da parte dello zio della giovane vittima, statua che troverà posto nell'aula consiliare presso la suddetta sede comunale Casa del Fanciullo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza