Bruciano e interrano rifiuti nei loro terreni, 11 indagati

Forestale Cagliari, 29mila euro di multe e sequestro 3 ettari

Bruciavano imballaggi di plastica, teloni e altro materiale proveniente dalle loro attività, così evitavano di dover riciclare o pagare per lo smaltimento dei rifiuti. Lo ha scoperto il personale del Corpo forestale durante una serie di controlli per individuare discariche abusive e luoghi di roghi a Cagliari, Monserrato, Quartu Sant'Elena, Quartucciu, Sestu e Assemini. L'operazione, denominata "Fumo nero", si è conclusa con 11 indagati per discarica abusiva e combustione di rifiuti, il sequestro di aree per tre ettari e sanzioni amministrative per complessivi 29mila euro. Le ispezioni sono state condotte dalle stazioni Forestali di Cagliari, Uta e dal Nucleo investigativo. In tutti i casi i responsabili sono stati sorpresi mentre bruciavano i rifiuti, soprattutto di notte o all'alba, e a volte li interravano.

"L'attività illecita dell'incenerimento dei rifiuti - spiegano dal Corpo forestale - è particolarmente insidiosa per la salute pubblica a causa delle sostanze tossiche dall'odore acre che si disperdono in atmosfera, estremamente dannose per l'ambiente e per la salute. L'ulteriore conseguenza del reato consiste nell'inquinamento del suolo e, per dilavamento, anche delle acque di falda". Tutti gli indagati sono residenti nell'hinterland di Cagliari, alcuni sono proprietari dei terreni in cui venivano accumulati e bruciati i rifiuti, altri sono titolari di imprese di costruzioni, di trasporti o agricole che "sistematicamente bruciano imballaggi in plastica o teloni utilizzati per coltivazione in serra", precisano gli investigatori della Forestale.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie