Sciopero farmaci cardiopatici, "sfiniti"

Dopo 14 giorni di protesta ancora nessuna apertura Emodinamica

E' giunto al quattordicesimo giorno lo sciopero della fame e dei farmaci salvavita di dieci degli oltre mille cardiopatici dell'associazione "Amici del Cuore" di Lanusei. Pazienti che protestano in ospedale, mettendo in serio pericolo la loro vita, per la mancata apertura del reparto di Emodinamica. La firma dell'Ats per l'avvio del servizio nel presidio Santa Maria della Mercede era prevista per l'8 gennaio scorso, ma nonostante le continue rassicurazioni tutto è rimasto fermo.

"La nostra salute ci sta abbandonando, siamo sfiniti - confessa all'ANSA il presidente dell'associazione Francesco Doneddu, 77 anni - abbandonati nel corridoio del reparto di Cardiologia senza una risposta e senza che nessuno si curi di noi. Dalla Regione silenzio assoluto, qui si è presentato solo il consigliere del Pd Salvatore Corrias, che è venuto a trovarci tre volte, e la deputata del M5s Mara Lapia, politici che però non sono al governo della Sardegna.

Noi - promette Doneddu - andremo avanti fino alle estreme conseguenze, sospenderemo lo sciopero solo quando il primo paziente entrerà nella sala di Emodinamica. Basta con i viaggi a Nuoro e Cagliari per essere curati". I cardiopatici si aspettano dalle istituzioni "una presa di posizione e un impegno immediato per risolvere questo grave disservizio, affinché - spiegano - venga garantito il diritto alla salute non solo di chi sta mettendo a repentaglio la propria vita, ma per tutti i cittadini".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie