Malattie reumatiche, 8 su 10 stop lavoro

Convegno Apmarr, 66% pazienti non conosce agevolazioni leggi

In Sardegna, in otto casi su 10, le persone affette da patologie reumatologiche sono costrette a lasciare il lavoro o a ridurre drasticamente la propria attività. Più della metà dei pazienti (50,9%) non ha mai fatto una visita per il riconoscimento del proprio grado di invalidità o non lo conosce. Il 66,7% ignora le agevolazioni, i diritti e i benefici previsti dalle leggi. Sono alcuni dei dati dell'indagine Apmarr-WeResearch "Vivere con una malattia reumatica", con focus specifico sulla situazione sarda, presentati a Cagliari durante il convegno "La reumatologia in Sardegna: luci e ombre", in concomitanza con l'inaugurazione della sede regionale dell'Apmarr.

Il 10% dei sardi (160mila persone circa) convive con una patologia reumatica. "L'impatto di una malattia reumatica sulla condizione lavorativa dei pazienti sardi è molto grave e limitante", spiega Mariella Piredda, referente dell'Associazione nazionale persone con malattie reumatologiche e rare. "La Sardegna è la regione italiana con la situazione più grave in termini di effetti negativi della malattia sulla condizione lavorativa. L'80% circa delle persone affette da patologie reumatologiche è costretta a ridurre, parzialmente o in maniera significativa, la propria attività lavorativa o addirittura a dover abbandonare il proprio posto di lavoro. La Sardegna è la seconda regione italiana meno informata sulle agevolazioni, diritti e benefici previsti dalla legge n68/99 e dalla Legge 104".

Alla presentazione dei risultati dell'indagine è intervenuto anche Alberto Cauli, direttore di Reumatologia del Policlinico di Monserrato e della Scuola di Specializzazione in Reumatologia dell'Università di Cagliari: "Per le malattie reumatiche - ha sottolineato - è molto importante una diagnosi precoce in modo tale da avere un rapido inizio della terapia, con un approccio terapeutico mirato al raggiungimento della remissione del quadro clinico che consenta di arrestare l'evoluzione del danno organico e prevenire le disabilità".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere