18enne ucciso: iniziata camera consiglio

Sentenza attesa primo pomeriggio per i due minorenni

È chiusa da oltre due ore in camera di consiglio la giudice del tribunale dei minori di Cagliari, Michela Capone, chiamata a pronunciare la sentenza nei confronti dei due minorenni, un ragazzo e una ragazza che al momento del fatto avevano 17 e 16 anni, accusati dell'omicidio e dell'occultamento del cadavere di Manuel Careddu, il 18enne massacrato sulle rive del lago Omodeo l'11 settembre 2018 per 300 euro di hascisc di cui pretendeva il pagamento. Il verdetto è atteso per il primo pomeriggio.

La procuratrice Anna Cau e la sostituta Grazia Manganiello hanno rinunciato alle repliche sulle arringhe della difesa, così la giudice si è subito ritirata in camera di consiglio. L'accusa ha chiesto per entrambi i ragazzi 18 anni di reclusone, riconoscendo le attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti, così come previsto quando a commettere un reato sono dei minori. Anche oggi, come nelle precedenti udienze, tutte a porte chiuse, sono presenti i parenti della vittima, tra cui la madre e la nonna.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie