Sardegna

Eurallumina,pressing tute verdi su tempi

Definita variante per vaporodotto riparte mobilitazione operai

Con il deposito negli uffici del servizio di valutazione ambientale dell'assessorato regionale della documentazione sul progetto del vapordotto Enel al servizio dell'Eurallumina di Portovesme, si fa più forte e pressante la richiesta di sindacati e lavoratori di arrivare a definire tutte le autorizzazioni per la ripresa produttiva dello stabilimento. Nuovo incontro in Regione con le tute verdi che hanno ribadito la richiesta: "l'iter deve concludersi entro la fine dell'anno in corso".

Dal punto di vista tecnico la variante al progetto aggiornato consiste principalmente nella sostituzione della prevista centrale cogenerativa a carbone con un vapordotto dalla centrale elettrica Grazia Deledda di Portovesme, con restituzione delle condense da parte dell'Eurallumina.

Il progetto, che ha già ricevuto la valutazione positiva del ministero dell'Ambiente è legato, ricordano le Rsu, al sostegno ai lavoratori nel periodo transitorio (2019, con l'avvio della produzione per il secondo semestre 2020), visto che gli attuali ammortizzatori sociali scadranno il 31 dicembre 2018. Per ottenere un rinnovo occorre avere la certezza degli investimenti che - spiega la Rsu - non potranno partire senza le sopracitate autorizzazioni".

Nel frattempo la Giunta ha confermato "che le attività in capo a ciascun Assessorato hanno carattere di priorità giustificata dal rilevante impatto occupazionale che si genera sul territorio in relazione all’investimento dell’azienda (472 posti di lavoro tra diretti e indiretti e oltre 200 di cantiere: considerando l’indotto si stima in 1200 unità la ricaduta occupazionale)".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie