Puglia
  • Onlus procura falsi contratti lavoro a stranieri, un arresto

Onlus procura falsi contratti lavoro a stranieri, un arresto

A Foggia, fino a 800 euro per ottenere documenti per 'soggiorno'

(ANSA) - FOGGIA, 30 LUG - Usava l'associazione no profit di cui era titolare, e che formalmente promuoveva l'integrazione degli stranieri, per farsi pagare e produrre falsi contratti di lavoro e locazione di immobili consentendo così a circa 300 cittadini extracomunitari di ottenere il rinnovo o il rilascio del permesso di soggiorno. Il giro d'affari è stato stimato in circa 200mila euro. Lo hanno scoperto i militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Foggia che hanno arrestato un cittadino camerunese di 46 anni in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale dauno su richiesta della Procura.
    Secondo quanto accertato dalle indagini, gli stranieri si rivolgevano al titolare della onlus, con sede a Lucera (Foggia), al quale versavano tra 400 a 800 euro per ogni pratica. Il titolare della onlus, attraverso compiacenti datori di lavoro, molti dei quali appartenenti alla criminalità locale, predisponeva contratti di lavoro fittizi che, una volta registrati, venivano utilizzati dagli extracomunitari per rinnovare il permesso di soggiorno.
    Analogo espediente, sempre dietro pagamento, veniva utilizzato per ottenere la residenza anagrafica: attraverso compiacenti proprietari di immobili, venivano stipulati falsi contratti di locazione. A volte era lo stesso titolare dell'associazione no profit a predisporre i falsi contratti di locazione e di lavoro all'insaputa dei diretti interessati (locatori e datori di lavoro), tanto che i malcapitati ricevevano richieste di pagamenti sia dall'Agenzia delle entrate che dall'Inps.
    Nell'ambito dell'indagine sono state segnalate alla Procura 269 persone 254 delle quali per aver comunicato sia falsi rapporti di lavoro sia falsi contratti di locazione. I cittadini extracomunitari che hanno utilizzato documenti falsi saranno segnalati all'Ufficio immigrazione per la revoca dei permessi ottenuti. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie