Press Release

AIIP, no a limitazioni per cambio operatore

 © ANSA
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Progetto Comunicazione

Roma, 1 aprile 2020 – AIIP si oppone fortemente all'ipotesi di emendamenti all'art. 82 del Decreto legge Cura Italia che limitino il diritto dei clienti finali di cambiare fornitore pendente la situazione di emergenza. La proposta costituisce una formidabile opportunità di strumentalizzare la contingente situazione per fini anticompetitivi. L'Associazione Italiana Internet Provider è pertanto contraria a qualsiasi limitazione della possibilità per i clienti finali di cambiare fornitore di rete e servizi di comunicazione elettronica.

Per l'AIIP la proposta è paradossale perché mentre l'art. 82 del decreto Cura Italia vuole tutelare i clienti finali, l'emendamento è palesemente in danno dei medesimi: limitare la possibilità di cambiare fornitore significa impedire al cliente di poter scegliere un servizio qualitativamente superiore proprio ora che – in ragione delle misure di contenimento del virus quali smart working, etc. – ne ha particolare necessità, o impedire al cliente di valersi di un servizio analogo ma a condizioni economiche più vantaggiose, proprio ora che c'è una situazione di generalizzata contrazione delle disponibilità economiche sia per le famiglie che per le imprese.

L’emendamento appare del resto in aperto contrasto con la finalità dell’articolo 82 del decreto Cura Italia: le reti e i servizi di comunicazione elettronica hanno un ruolo essenziale e devono essere potenziati per venire incontro alle maggiorate esigenza di banda dei clienti.

Sia le migrazioni, sia larga parte delle portabilità non richiedono alcun intervento presso il cliente né la sua presenza in centri di attivazione pubblica - così quantomeno le portabilità di rete fissa, a differenza di quanto avviene per la rete mobile in assenza di SIM virtuale.

In ogni caso, le eventuali attività che richiedano la presenza fisica del tecnico presso il cliente (o del cliente in un centro di attivazione pubblica – condizione infrequente per quanto riguarda la rete fissa), rientrano tra quelle che devono rimanere sempre consentite – sia pure con le dovute precauzioni – per garantire al pubblico i servizi di comunicazione elettronica la cui centralità ed essenzialità per il sistema paese è esasperata dalla situazione emergenziale causata dal Corona Virus.

 

L’Associazione Italiana Internet Provider (AIIP), è la prima associazione di operatori Internet a nascere in Italia (1995); da allora dà voce ai service provider italiani. Conta attualmente circa cinquanta operatori di telecomunicazioni ed internet che effettuano costantemente investimenti ed offrono diverse tipologie di servizi Internet in tutta la Penisola: dalla connettività anche in wireless e in fibra ottica utlrabroadband a servizi di data center, cloud ed altri servizi legati alla rete.

  • Progetto Comunicazione
  • 01 aprile 2020
  • 16:45

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie