Testamento Marco Polo esposto a Torino

Il testo rivela un uomo molto ricco, femminista e credente

(ANSA) - TORINO, 14 GIU - Marco Polo era miliardario, eclettico, generoso e femminista e alla sua morte decise, contrariamente al costume dell'epoca, di lasciare i suoi beni, oltre che a numerose chiese per conquistarsi un felice aldilà, alle donne di casa. E non ai parenti maschi.
    Sono alcune informazioni sul viaggiatore più famoso della storia, il veneziano Marco Polo, che emergono dallo studio, dal restauro e dalla riproduzione del suo testamento. Un lavoro promosso dall'associazione Scrinium, specializzata in 'cloni' di documenti antichi, e dalla Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia, dove è custodita la preziosa pergamena.
    Il primo clone così riprodotto (in tutto sono 185, per un valore di 5.000 euro l'uno, già tutti venduti nel mondo), frutto di tre anni di lavoro, è esposto da oggi al 14 settembre al Museo di Arte Orientale di Torino. "Un documento intimo e pieno di storia - ha sottolineato la ricercatrice Tiziana Plebani - che lega per sempre la storia italiana all'Oriente e alla Cina".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere