Lombardia

Lavoro: protesta a Milano, strage dovuta anche a Jobs Act

Oltre 17 mila morti 2009-2019, più decessi nel 2020 e quest'anno

(ANSA) - MILANO, 18 GIU - Nel decennio 2009-2019 i morti sul lavoro sono stati oltre 17 mila: il calcolo non include il 2020 perché vi possono essere sovrapposizioni con i decessi per coronavirus anno comunque che fa registrare 1.270 persone rimaste uccise (+181 sui 12 mesi precedenti). Nel 2021, rispetto all'analogo periodo dell'anno scorso la crescita degli incidenti mortali è del 9,3%. Tutti i dati sono sottostimati a causa del lavoro nero e di chi muore successivamente all'infortunio, ma non viene registrato in maniera corretta.
    E' questa la denuncia che è stata fatta, questa mattina davanti la sede di Assolombarda a Milano, durante il presidio di protesta organizzato da il Comitato per la difesa della salute nei luoghi di lavoro e nel territorio, di cui è presidente Michele Michelino, Medicina Democratica, il Comitato ambiente e salute Tetro alla Scala e diverse altre associazioni.
    Michelino ha sottolineato che "il licenziamento libero causato dal Jobs Act e dalla Legge Fornero sul lavoro contribuisce a non fermare quella che è una strage non solo infinita, ma anche voluta e programmata". "Le leggi sulla sicurezza non vengono applicate perché i dipendenti che lo chiedono vengono licenziati o puniti - afferma -. Quindi non si parli di volontà di ridurre o eliminare gli incidenti. Per farlo bisogna ridare le tutele ai lavoratori e aumentare davvero i controlli. Al contrario Jobs Act e legge Fornero sul lavoro dando mano libera alle imprese impediscono la tutela dei lavoratori e un reale controllo".
    Inoltre - è stato detto - l'aumento dell'età di lavoro fa crescere per tutte le categorie i rischi di morte e malattie professionali e in alcuni comparti, per esempio la sanità, rischiano anche i pazienti e i cittadini. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Camera di Commercio di Milano
        Camera di Commercio di Milano



        Modifica consenso Cookie