Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sorpresa sulla riviera ligure, avvistata coppia di daini

Sorpresa sulla riviera ligure, avvistata coppia di daini

Sindaco Spotorno, "insieme con i cinghiali sono un pericolo"

SPOTORNO, 07 agosto 2022, 20:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Non solo cinghiali urbani. Ora in città arrivano anche i daini. Accade nel Savonese, a Spotorno, località turistica della riviera, dove una coppia di questi ungulati è stata avvistata all'ombra di alberi nel verde di una aiuola. La presenza di animali selvatici in paese è un fenomeno che si verifica da qualche tempo ma nell'ultimo periodo è più frequente. Il sindaco di Spotorno Mattia Fiorini aveva scritto al presidente della Regione Liguria Giovanni Toti a maggio per presentare il problema ma non ha ancora ricevuto risposta. Il primo cittadino non nasconde la sua preoccupazione: "Cinghiali e daini si avvicinano sempre di più, mettendo a rischio se stessi e le persone, sono un pericolo per la circolazione". E aggiunge ancora: "La competenza in materia è della Regione ma le poche risorse umane e strumentali rimaste alle guardie venatorie non permettono di fare praticamente nulla nonostante il grande impegno dei pochissimi operatori rimasti".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza