Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Guadagno: 'I diritti sulla salma li ha mio padre che la uccise'

Guadagno: 'I diritti sulla salma li ha mio padre che la uccise'

'Abbandonato dalla istituzioni'. Sua madre Carmela fu uccisa dal marito nel 2010 a Feletto Umberto (Udine)

TRIESTE, 25 febbraio 2024, 20:33

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sua madre, Carmela, fu uccisa dal marito il 25 aprile del 2010 a Feletto Umberto (Udine). Una data che, come lo stesso Pasquale Guadagno racconta nel suo libro Ovunque tu sia, non "dimenticherà mai" e dopo la quale ha dovuto "ricominciare a vivere una nuova vita piena di difficoltà e di dolore, sentendosi spesso abbandonato dalle istituzioni".
   

Guadagno, 27 anni, di origini napoletane, ha presentato in questi giorni a Trieste il suo libro, durante un incontro promosso dalla Commissione regionale per le pari opportunità.
   

Una conferenza che mirava a sensibilizzare sulla tematica del femminicidio e sulle vittime di violenza, per le quali - è stato detto da Guadagno e dalla presidente della Crpo Fvg, Dusy Marcolin, come riporta una nota - ancora non sono abbastanza le azioni concrete di supporto. "C'è ancora del lavoro da fare", ha sottolineato Guadagno, a livello nazionale e regionale.
 

 Il 27enne, che ha una sorella, Annamaria, è poi passato a raccontare del rapporto conflittuale con suo padre, condannato a 18 anni di reclusione, poi diventati 13 per buona condotta, e che finirà di scontare la pena oggi. Un tema approfondito anche sul Corriere della Sera. Quando "nostro padre uscirà dal carcere - ha detto Guadagno al quotidiano - per legge, sarà libero di fare quello che vorrà della salma di nostra madre". L'uomo infatti vuole cremarla "per tenerla con sé", ha raccontato il giovane. Come figli invece, ha lamentato, "non abbiamo alcun diritto" sul corpo di nostra madre. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza