Piattaforma logistica: soddisfazione operatori italiani

Costituita da Francesco Parisi spa,Icop spa e interporto Bologna

(ANSA) - TRIESTE, 29 SET - La HHLA (Hamburger Hafen und Logistik AG) entrerà nel capitale di PLT (Piattaforma Logistica Trieste), costituita dalla impresa di spedizioni internazionali Francesco Parisi S.p.A., dall'impresa di costruzioni ICOP S.p.A.
    e dall'interporto di Bologna, realtà con le quali l'operatore tedesco ha concluso l'accordo.
    Le parti pubbliche intervenute sono Ministero dello Sviluppo economico, Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, Agenzia del Demanio, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Trieste. Le parti private sono state il Gruppo Arvedi e ICOP.
    La Piattaforma Logistica di Trieste troverà il suo compimento necessario e naturale nella costruzione del Molo VIII, il nuovo terminal container del porto di Trieste che, con un investimento di 400 milioni di euro ed oltre 500 addetti, rappresenterà una delle prospettive di nuovo lavoro più importanti della regione.
    Il Molo VIII è una delle opere cardine previste nel Piano Regolatore per garantire continuità al trend di crescita del Porto di Trieste, primo porto italiano e quattordicesimo porto europeo per volume di tonnellate.
    I.CO.P. S.p.A., impresa con cent'anni d'attività, è tra le principali società europee di microtunnelling ed il secondo gruppo italiano nel settore delle fondazioni con attività anche nelle infrastrutture portuarie. E' controllata dalla famiglia Petrucco, imprenditori della Regione Friuli Venezia Giulia. La finanziaria pubblica Friulia partecipa al capitale sociale di ICOP, che è diretta da Vittorio Petrucco (presidente) e Piero Petrucco (amministratore delegato, ed anche vicepresidente di ANCE).
    Parisi Francesco S.p.A., impresa triestina con oltre duecento anni di attività nel campo delle spedizioni e della logistica.
    Controllata e condotta dalla famiglia Parisi, presente storicamente in Centro Europa, allargatasi nel nuovo millennio in Asia Pacifico, è diretta dal suo presidente Francesco Parisi e dai figli Tomaso e Matteo.
    Interporto di Bologna S.p.A., società a partecipazione pubblica, che ha sviluppato una delle piattaforme logistiche modali più grandi d'Europa.
    Per Vittorio Petrucco, presidente di ICOP "l'accordo con HHLA è il traguardo di un lungo processo di selezione del migliore partner strategico per lo sviluppo della Piattaforma Logistica di Trieste e dell'intero bacino portuario. È una partnership europea che unisce idealmente Amburgo e Trieste, due grandi porti del nord e del sud dell'Europa e che potrà dare alla nostra città un'ulteriore occasione di sviluppo".
    Francesco Parisi, presidente di Parisi Francesco S.p.A., ha espresso "particolare soddisfazione" per gli accordi, definendo "HHLA soggetto europeo di statura internazionale", con il quale sono "condivise strategie che si fondano sulla visione elaborata a Trieste negli ultimi anni per uno sviluppo sostenibile. Questo è anche un obbiettivo fortemente voluto dall'Unione Europea".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Nuova Europa



        Modifica consenso Cookie