Energia: Flora Toscana, bollette ci sono quintuplicate

Cooperativa Pescia ha 250 soci produttori e fa 45 mln di ricavi

Redazione ANSA PESCIA (PISTOIA)
(ANSA) - PESCIA (PISTOIA), 21 SET - La cooperativa agricola Flora Toscana lancia l'allarme sul rincaro delle materie prime e sul caro bollette, che sono quintuplicate, passando da 60mila euro l'anno a 300mila per i frigoriferi dove si mantengono i fiori recisi. Inoltre sono rincarate del 20% materie prime come concimi, fertilizzanti e vasi. Flora Toscana, con sede a Pescia (Pistoia), ha 250 soci produttori e ha raggiunto i 45 milioni di fatturato nel 2021. "I nostri soci - spiega il direttore Simone Bartoli - hanno problemi sul fronte della produzione per i fortissimi rincari sia delle materie prime, intorno al 20%, e poi sul gasolio agricolo per il quale non sono state azzerate le accise". La cooperativa Flora Toscana, per andare incontro alle difficoltà dei suoi soci, spiega Bartoli, contribuisce pagando a fondo perduto il 10% dei costi sostenuti dai produttori.

"Abbiamo attivato questa misura di aiuto grazie al nostro 'fondo sviluppo soci' pensato proprio per situazioni di questo genere".

I problemi dei soci produttori si sommano a quelli della cooperativa che ha il compito di vendere e commercializzare piante e fiori in Italia (per l'80%) e all'estero (20%), vendendo per circa il 60% alla grande distribuzione. "Noi abbiamo anche il compito - spiega Bartoli - di conservare piante e soprattutto fiori recisi nei nostri frigoriferi, con un grande consumo di energia elettrica. La nostra bolletta è passata da circa 60mila euro annui a 300mila euro l'anno. Per questo motivo abbiamo deciso di accelerare sul nostro progetto di installare pannelli solari sul tetto del magazzino per produrre 120 Kw".

Giuseppe Gori, presidente di Confcooperative Toscana Nord, spiega che "in queste settimane stiamo raccogliendo notizie sempre più allarmanti dalle nostre cooperative che, come Flora Toscana, si trovano a dover gestire costi molto più alti di quanto previsto. Anche le imprese cooperative e noi come associazione di rappresentanza ci uniamo alle richieste di intervento urgente che arrivano da altri comparti produttivi.

Non c'è più tempo da perdere, c'è bisogno di dare subito liquidità e supporto alle aziende per scongiurare una drammatica contrazione del nostro prezioso tessuto produttivo". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie