Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Maltempo: agronomi, urge strategia per un territorio fragile

Maltempo: agronomi, urge strategia per un territorio fragile

Conaf, dovremo prepararci al ripetersi di eventi estremi

ROMA, 19 agosto 2022, 14:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA
"Dobbiamo programmare una strategia per un territorio fragile che sarà sottoposto a frequenti eventi estremi". Questa la posizione dell'Ordine dei dottori agronomi e forestali davanti alle immagini del maltempo che ha colpito ieri l'Italia. "Il nostro territorio continua a mostrare le fragilità oramai ben note, semplicemente accentuate dagli eventi meteorologici estremi, sempre più frequenti. osserva Renato Ferretti, Consigliere Conaf - Abbiamo visto spiagge devastate, linee ferroviarie e strade interrotte, ma ancora una volta - sottolinea - i danni consistenti sono stati provocati dagli alberi crollati in città. Il cedimento degli alberi è spesso favorito da una scorretta gestione della pianta (potature errate) e del sito di crescita (scavi che hanno gravemente danneggiato gli apparati radicali). Per esempio, potature sbagliate finiscono per rendere l'albero meno sicuro e più fragile, ottenendo quindi l'effetto contrario." "Dobbiamo cambiare rotta, - conclude il presidente Conaf Sabrina Diamanti - e siamo già in ritardo. Continuiamo a dilapidare una risorsa limitata e preziosissima: lo spazio e il terreno da cui ricaviamo cibo, economia e benefici. Continuiamo ad agire sul territorio e nelle città con schemi obsoleti e purtroppo continuiamo a contare vittime. Stiamo vivendo la diretta conseguenza della mancanza di programmazione e progettazione che da decenni caratterizza il nostro Paese, accompagnata da un dissennato utilizzo del suolo e da una mancanza di innovazione. Una via d'uscita, però, c'è: sfruttiamo le conoscenze e le competenze dei tecnici qualificati, che possono aiutare a non dover pagare un conto di anno in anno più insostenibile".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza