Con terreni biocarburanti possibile sfamare 280 mlioni di persone

Esperti, energia consuma suolo e acqua, compete con il cibo

Redazione ANSA

Se fossero impiegati per coltivare cibo, i terreni e l'acqua attualmente usati per produrre biocarburanti potrebbero sfamare un terzo delle persone malnutrite nel mondo. Ad evidenziare l'impatto sulla sicurezza alimentare di bioetanolo e biodiesel di prima generazione - il primo ricavato da canna da zucchero, mais e grano, il secondo da olio di palma, soia e colza - è un team di ricercatori del Politecnico di Milano. Stando al loro studio, pubblicato su Scientific Reports, nel 2013 per i biocarburanti si sono utilizzati il 4% delle terre agricole e il 3% dell'acqua dolce usata nella produzione di cibo: un quantitativo di risorse naturali sufficiente a dar da mangiare a 280 milioni di persone, se impiegato per l'agricoltura.

In base ai dati, nel 2013 abbiamo bruciato 65 milioni di tonnellate di bioetanolo e 21 milioni di tonnellate di biodisel a livello globale. Alla loro produzione sono stati destinati 41,3 milioni di ettari di terreni agricoli e 216 miliardi di metri cubici d'acqua.

Se la produzione di biocarburanti aumentasse, come previsto, fino a rappresentare il 10% di tutti i combustibili usati nel settore dei trasporti, il pianeta potrebbe rispondere alla domanda alimentare di 6,7 miliardi di persone, a fronte di una popolazione mondiale attuale di 7,4 miliardi. Ci sarebbe cioè un deficit di cibo per 700 milioni di persone, in una situazione destinata a peggiorare col crescere del numero degli abitanti della Terra, attesi a nove miliardi già entro la metà di questo secolo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie