Pam, 22 milioni di persone a rischio fame in Corno d'Africa

Una siccità senza precedenti devasta Kenya, Somalia ed Etiopia

Redazione ANSA

(ANSA-AFP) - NAIROBI - Il numero di persone a rischio di fame nel Corno d'Africa è salito a 22 milioni: lo ha affermato il Programma alimentare mondiale (Pam/Wfp) dell'Onu.

Anni di piogge insufficienti in Kenya, Somalia ed Etiopia hanno causato la peggiore siccità degli ultimi 40 anni e condizioni simili a quelle della carestia nelle aree più colpite, sostengono i gruppi umanitari.

Quattro stagioni di mancate precipitazioni senza precedenti hanno ucciso milioni di capi di bestiame, distrutto i raccolti e costretto 1,1 milioni di persone a lasciare le proprie case in cerca di cibo e acqua. "Il mondo deve agire ora per proteggere le comunità più vulnerabili dalla minaccia di una carestia diffusa nel Corno d'Africa", ha dichiarato David Beasley, direttore esecutivo di Pam.

All'inizio del 2022, Pam aveva avvertito che 13 milioni di persone nei tre Paesi soffrivano per la fame, chiedendo l'aiuto dei donatori in un momento di grande bisogno. Ma i fondi hanno tardato ad arrivare con l'invasione russa dell'Ucraina, che ha stornato l'attenzione internazionale dal disastro nel Corno, come hanno affermato gli operatori umanitari.

L'invasione della Russia ha anche fatto salire alle stelle i prezzi globali di cibo e carburante, rendendo più costosa la consegna degli aiuti. Entro la metà dell'anno, il numero di persone in condizioni di estremo bisogno in Kenya, Etiopia e Somalia è salito a 20 milioni. Pam dice che entro settembre almeno 22 milioni di persone potrebbero morire di fame.

(ANSA-AFP).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie