Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ferrara svela la cucina rinascimentale di Lucrezia Borgia

Ferrara svela la cucina rinascimentale di Lucrezia Borgia

Ricettari alimenti e dieta ricostruiti dai registri di spenderia

FERRARA, 01 settembre 2022, 15:11

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Frutta, verdura, zucca a volontà per ripieni e zuppe, niente spezie. La materia prima assaporata senza altri aromi e apprezzata per la sua qualità, scelta accuratamente da addetti di corte. E poi: torte salate, di diversi tipi, con bietole, uova, ricotta, e anche frittate in diverse ricette, tra cui quella 'rognosa', ritratta anche in quadri rinascimentali, e caratteristica per la sua superficie ruvida perché arricchita con prosciutto tritato prima di essere cotta. Ecco, in sintesi, la cucina di Lucrezia Borgia, tra '400 e '500, nella ricostruzione che ne ha fornito Federica Badiali, in un appuntamento dedicato alla Tavola e cucina nella Ferrara estense, al baluardo di Santa Maria della Fortezza, dove è in corso la 18/a edizione della Giostra del Monaco.

Come ha spiegato la docente, autrice di diversi libri e pubblicazioni legati allo sviluppo storico delle tradizioni enogastronomiche, se i ricettari di Lucrezia Borgia non sono oggi conosciuti, le sue abitudini alimentari sono ricostruibili a partire dai cosiddetti 'registri della spenderia' (un elenco in cui i segretari scrivevano quanto acquistato per la cucina e le necessità quotidiane della corte durante i soggiorni estivi a Belriguardo), e sono desumibili dalle descrizioni di Cristoforo Messisbugo, anima dei banchetti della corte estense, particolarmente legato al marito di Lucrezia, Alfonso I d'Este.

Alla biblioteca Ariostea, inoltre, ha spiegato la docente, è conservato un manoscritto dei primi decenni del Cinquecento con oltre 1.200 ricette di cucina, e non solo, che è ormai pronto per la pubblicazione integrale.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza