Ristoranti contro la fame, mangiare per gusto e solidarietà

Contributo aggiunge un posto a tavola per bimbi in Paesi poveri

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Ora e fino al 31 dicembre c'è un motivo in più per andare al ristorante: la solidarietà. Per i bambini malnutriti nel mondo, per una categoria di imprenditori in sofferenza per l'emergenza sanitaria. Azione contro la Fame, organizzazione umanitaria nella lotta alla malnutrizione da dato il via, nella Giornata mondiale dell'alimentazione, alla sesta edizione l'iniziativa "Ristoranti contro la Fame", che coinvolge ed unisce ristoranti, chef e amanti del cibo. Prenotare in uno degli esercizi aderenti significa dare un contributo alla lotta contro la fame: parte del guadagno del ristorante verrà donato al progetto "Ristoranti contro la Fame". Un piccolo contributo per aggiungere, idealmente, un posto a tavola a uno dei tanti bambini che vivono nei Paesi più poveri del mondo. La grande sfida, lanciata dalla Ong, è ridurre del 20% il tasso di mortalità dei bambini sotto i cinque anni nei Paesi in cui emergono dati più preoccupanti in tema di malnutrizione. In sei anni l'iniziativa ha trovato ospitalità in oltre 700 attività della ristorazione italiana.

Ha, inoltre, raggiunto oltre 500.000 persone e, soprattutto, raccolto 350.000 euro: una cifra che corrisponde, esattamente, al valore di trattamenti salvavita con cibo terapeutico utili per far fronte alle esigenze di 16.000 bambini affetti da malnutrizione. Con questa iniziativa, ha detto Simone Garroni, direttore generale di Azione contro la Fame, "desideriamo comunicare agli italiani un motivo in più per pranzare o cenare al ristorante o in pizzeria: la solidarietà. Recarsi a uno dei nostri 'Ristoranti contro la Fame' diventa non solo un'opportunità per dare cibo ed alimenti terapeutici ai bambini malnutriti nel mondo ma anche un modo per contribuire alla rinascita di uno dei comparti cruciali del nostro Paese".

In Versilia, aderisce all'iniziativa solidale il ristorante Lorenzo di Forte dei Marmi, con la rinomata cucina di pesce della famiglia Viani e menu dello chef Gioacchino Pontrelli, prende parte, per il terzo anno consecutivo, al progetto. E sono numerosi i professionisti dell'alta ristorazione che hanno già accolto, in qualità di chef ambasciatori, la sfida promossa da Azione contro la Fame, facendosi portavoce delle attività di sensibilizzazione sul tema della fame e della malnutrizione. Si tratta di Tommaso Arrigoni e Eros Picco (Innocenti evasioni, Milano), Enrico Crippa (Piazza Duomo, Alba), Carolina Bonini e Giada Matese (Cuciniamo), Francesco Menozzi (Bottega 39, Reggio Emilia), Elio Sironi (Ceresio 7, Milano), Simone Padoan (I Tigli, Verona), Cesare Battisti (Ratanà, Milano),Stefano Cerveni (Osteria con Vista, Terrazza Triennale, Milano), Mario Dalena (Il Credenziere, Venezia), Giacomo Coppin e Andrei Cobuz (L'Ov Milano), Lucio Mele (Pescaria, Milano). Con loro anche l'"Associazione professionale cuochi italiani", "Ambasciatori del Gusto", "Le Soste", "CHIC-Charming Italian Chef". I clienti potranno donare due euro per un "piatto solidale", 50 centesimi per una "pizza solidale" e altrettanti per una bottiglia d'acqua. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie