Caro gasolio: Ancona, pescatori bloccano tir pesce estero

Ore stop, poi via libera. Appello a commercianti, "non ordinate"

Redazione ANSA ANCONA
(ANSA) - ANCONA, 30 MAG - Si intensifica la protesta delle marinerie contro il caro gasolio. Intorno alle 23 di ieri sera tre tir carichi di pesce di importazione sono stati bloccati al porto di Ancona. I pescatori hanno impedito fino alle 4 di stamattina agli autotrasportatori di scaricare dai mezzi il pescato proveniente dall'estero. Le marinerie dell'Adriatico sono in sciopero dal 23 maggio per protestare contro i prezzi del gasolio alle stelle che hanno ridotto al lumicino i profitti di chi vive di pesca. Il blocco dei tir in via Mattei, zona Zipa davanti al cantiere Crn, è andato avanti per diverse ore, poi i pescatori hanno consentito lo scarico delle merci già ordinate e il presidio è stato tolto. In mattinata, in una riunione, decideranno il da farsi, ma l'intenzione è chiedere ai commercianti di non ordinare più pesce estero per la durata dello sciopero.

"Non abbiamo avuto ancora nessuna risposta dal governo" spiegano, e la protesta monta e si fa più serrata. "Noi siamo in sciopero e i commercianti aumentano l'importazione di pesce - dicono dal presidio nello scalo - è ingiusto, chiediamo ai commercianti da adesso e per tutta la settimana in cui siamo fermi, di non far arrivare i bilici di pesce dall'estero. Invece del pesce italiano, stanno acquistando pescato da Francia, Spagna, dalla Croazia e noi non riusciamo ad andare avanti a causa del costo del gasolio, praticamente triplicato in pochi mesi, siamo esasperati, abbiamo famiglie da sfamare". I pescatori sono arrabbiati e annunciano che la protesta si farà ancora "più serrata". Al porto di Ancona sono giunti un centinaio di pescatori anche da Pescara, San Benedetto del Tronto, Civitanova Marche. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie