Covid: commercialisti, nel 2020 fatturato ristorazione -45%

 Analisi dei bilanci delle Srl, in calo pure gli addetti (-12,5%)

Redazione ANSA

 - Nell'anno dello scoppio dell'emergenza sanitaria, il 2020, "la flessione del fatturato è stata pari al 44,9%, rispetto al precedente, cui si aggiunge un calo degli addetti del 12,5%" nel settore dei ristoranti e degli alberghi, secondo la fotografia scattata dall'Osservatorio sui bilanci 2020 delle Srl del Consiglio e della Fondazione nazionali dei commercialisti. Il comparto, recita una nota dei professionisti, "il cui campione analizzato riguarda 46.333 aziende, ha registrato un decremento dei ricavi più accentuato delle Srl in generale (-8,5%)", mentre "il valore della produzione, invece, si è ridotto del 40% e il valore aggiunto del 53,6%".

A livello geografico, va avanti la nota dei commercialisti, "le Srl del Centro registrano il calo maggiore (-48,7%) rispetto alle altre macroaree: in particolare, il Sud (-41,9%) e il Nord-est (-42,1%) presentano i decrementi più contenuti, mentre il Nord-ovest (-46,1%) mostra una flessione più ampia", nell'annualità della diffusione del Covid-19.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie