Scoperto un minerale 'alieno' nascosto in un meteorite

Mai visto prima in natura,sarebbe nato da una collisione cosmica

Redazione ANSA

Un minerale 'alieno', mai visto prima in natura, è stato scoperto all'interno di un meteorite di 210 grammi ritrovato poco fuori la città australiana di Wedderburn. Il minerale, chiamato 'edscottite', è una rara forma di carburo di ferro: probabilmente nato da una collisione cosmica, è stato ufficialmente riconosciuto dall'Associazione mineralogica internazionale (Ima), dal momento che l'unica forma nota finora era la sua controparte sintetica ottenuta durante il processo di fusione del ferro. A descriverlo per la prima volta è lo studio pubblicato sulla rivista American Mineralogist dal ricercatore Chi Ma del California Institute of Technology (Caltech).

Questa è l'ultima di una lunga serie di ricerche condotte sul sasso spaziale fin dal giorno del suo ritrovamento, avvenuto nel 1951. La roccia, rossa e nera, è stata infatti sezionata ed esaminata così tante volte che dell'esemplare originale ne resta ormai solo un terzo, conservato tra le collezioni dei Musei di Victoria in Australia. I risultati ottenuti finora avevano rivelato la presenza di oro e ferro, insieme ad altri minerali rari come la troilite e la camacite.

La lista ora si allunga con la scoperta della edscottite, chiamata così in onore dell'esperto di meteoriti Edward Scott, dell'Università delle Hawaii. Il suo ritrovamento è un evento significativo, se si considera che finora sono stati scoperti circa 600.000 minerali in laboratorio e meno di 6.000 in natura, come spiega l'esperto Stuart Mills dei Musei di Victoria. Quale sia l'origine del minerale alieno di Wedderburn, però, ancora non è noto: secondo una prima ipotesi, potrebbe essersi formato in condizioni di temperatura e pressione estreme all'interno del cuore di un antico pianeta, poi distrutto dalla collisione con un altro corpo celeste.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA