Psicopillole, libro spiega abuso farmaci in disagio psichico

Esperti, non tutti i disturbi psicologici richiedono medicinali

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 12 SET - La fiducia nei progressi della medicina "sta portando sempre più a ritenere che esista una compressa per risolvere ogni disagio e, al tempo stesso, che ogni disagio possa essere superato solo grazie a una psicopillola". Ma non è proprio così: sfatare il mito della 'medicina magica', soprattutto nel campo dei disturbi psichici, è l'obiettivo del libro "Psicopillole. Per un uso etico e strategico dei farmaci", edito da Ponte alle Grazie. Il volume, scritto dallo psichiatra Alberto Caputo e dalla psicoterapeuta Roberta Milanese, spiega che "non tutti i disagi emotivi, relazionali e psichici sono patologie che richiedono farmaci per essere risolte. Anzi: gli psicofarmaci possono essere superflui, se non addirittura dannosi quando impiegati per affrontare disturbi che non appartengono alla sfera biochimica della persona, ma all'insieme di relazioni che ha con se stessa e con gli altri". "La vita umana è fatta di alti e bassi, di piaceri e dolori - dice Caputo - normalità non è sinonimo di felicità costante".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA