BMW Motorrad, nel 2020 secondo miglior risultato di sempre

Nonostante pandemia, consegnate più di 169 mila moto

Redazione ANSA MILANO

Un 2020 con il secondo miglior risultato di vendita di sempre, per BMW Motorrad. Nel corso dell'anno che si è concluso da poco e nonostante le sfide legate alla pandemia, BMW Motorrad è stata infatti in grado di consegnare 169.272 moto e scooter ai clienti, ottenendo così il secondo miglior risultato di vendita di sempre (anno precedente: 175.162 veicoli/ -3,4%). Questo risultato di vendita è alla base della strategia di crescita di BMW Motorrad. Il lancio sul mercato di tredici nuovi modelli, il forte portafoglio di prodotti BMW Motorrad e la partnership coi concessionari BMW Motorrad in tutto il mondo che, nonostante le circostanze più difficili, sono stati in grado di rendere il 2020 un successo grazie ai loro instancabili sforzi, sono stati i motivi di questo risultato positivo.

"Dopo mesi difficili da marzo a giugno - ha detto Markus Schramm, Head of BMW Motorrad - l'intero team BMW Motorrad è stato in grado di cambiare le sorti applicando un alto grado di flessibilità pragmatica e grande impegno personale. Oltre probabilmente alla migliore offerta di prodotti BMW Motorrad di sempre, è stato questo sforzo di squadra, di cui sono molto orgoglioso, che ha reso possibile il raggiungimento nel 2020 del secondo miglior risultato di vendita di sempre". Con un aumento di 1.224 veicoli e quindi 27.516 unità vendute, la Germania è stata anche in grado di migliorare rispetto all'anno record precedente e rimane il più grande mercato per BMW Motorrad. Questo successo contribuisce anche a un gratificante risultato europeo complessivo per BMW Motorrad.

L'impatto della pandemia ha influenzato in modo diverso i principali mercati europei. Mentre anche la Francia è in crescita rispetto all'anno precedente con 17.539 unità (anno precedente: 17.300 unità), l'Italia (13.918 unità), la Spagna (11.030 unità) e la Gran Bretagna/Irlanda (7.315 unità) hanno registrato cifre di vendita leggermente inferiori. Ciò comporta un lieve calo di volume del -5,3% per l'intera regione europea.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie