Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Caivano: il prefetto alla gente, 'protestare non aiuta'

Caivano: il prefetto alla gente, 'protestare non aiuta'

"Lo Stato deve fare lo Stato, troverà le risposte" sugli alloggi

CAIVANO, 27 febbraio 2024, 17:52

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Le proteste dei giorni scorsi non hanno motivazioni, anzi sono controproducenti perché non aiutano a trovare soluzioni. La verità è che lo Stato deve fare lo Stato, e lo sta facendo analizzando caso per caso la situazione dei nuclei familiari che occupano gli alloggi di Parco Verde.
    Tutti avranno risposte, e spero siano positive". In una Chiesa gremita di residenti di Parco Verde, il prefetto di Napoli Michele di Bari, con a fianco don Maurizio Patriciello, ribadisce che "nessuno verrà sgomberato l'8 marzo, alla scadenza dei trenta giorni dalla notifica dei decreti di sequestro degli alloggi comunali occupati".
    Tuttavia il prefetto esorta anche "a non protestare, perché altrimenti dobbiamo concentrarci sull'ordine pubblico invece che sulle soluzioni da trovare. E le soluzioni ci sono, visto che la Commissione prefettizia, con il supporto di funzionari inviati appositamente dal Viminale a Caivano, sta analizzando le tante istanze di assegnazione degli alloggi e di regolarizzazione presentate negli anni al Comune; è un lavoro complesso, che richiederà del tempo, perché bisogna anche ritrovare quel carteggio tra inquilini e Comune che negli anni si è dissolto nei vari uffici comunali, ma è certo che tutti gli occupanti abusivi avranno una risposta alle loro richieste. E ognuno la avrà in base a quella che è la propria storia personale. Va poi detto che se negli anni passati il Comune avesse lavorato per tempo tutte queste pratiche, non avremmo probabilmente avuto questa situazione".
    Di Bari spende anche delle parole per don Maurizio. "Va rispettato e sostenuto - dice il prefetto - perché da sempre si batte per riportare la legalità in questo territorio. Ed è proprio quello che vogliamo, e che testimoniamo con la nostra presenza costante qui. Per il governo Caivano è una sfida, e per questo ha messo in campo un poderoso impegno investendo parecchie risorse. Ed io sono disposto a tornare qui tra dieci giorni per aggiornarvi sull'evolversi della situazione".

 Prima dell'arrivo del prefetto era stata creata una piccola delegazione con due residenti che avrebbero voluto avere un faccia a faccia con di Bari, ma poi l'incontro privato non si è tenuto perché si è preferito che il prefetto parlasse a tutti. Il 29enne Luigi Sirletti, uno dei due delegati, fuori dalla parrocchia di San Paolo Apostolo, quando il prefetto è ormai tornato a Napoli, spiega che "sarebbe stato meglio avere un faccia a faccia, perché avremmo voluto esporre le nostre problematiche. Siamo noi la parte che soffre e che rischia di perdere tutto, nonostante per anni abbiamo pagato tutto ciò che c'era da pagare. Sembra che nessuno voglia davvero ascoltarci". E in tanti al Parco Verde la pensano come Sirletti. Da alcuni dati forniti dagli stessi residenti, sarebbero un centinaio gli occupanti con le carte in regola per ottenere una regolarizzazione, altri non trovano più i documenti inviati a suo tempo al Comune di Caivano.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza