Dopo 100 anni evasione a Poggioreale

Polacco scavalca muro con corda di lenzuola mentre va a messa

Dopo cento anni prima evasione dal carcere napoletano di Poggioreale: un detenuto polacco, R.L., che compirà 32 anni il prossimo 5 settembre, ha usato una corta di lenzuola per scavalcare il muro di cinta della casa circondariale mentre si stava recando a messa nella chiesetta dell'istituto penitenziario, con un centinaio di carcerati tenuti sotto controllo solo da pochi agenti. Qualche anno fa un analogo tentativo finì male: il detenuto cadde riportando gravi lesioni fisiche. Per il segretario dell'Osapp di Napoli, Luigi Castaldo, la colpa è della mancanza di personale: "Poco più di 200 unità di fronte a una platea di detenuti che supera di 800 unità la capacità massima. Dati denunciati a un'amministrazione sorda ed una Politica assente". Per Ciro Auricchio e Giuseppe Moretta dell'Uspp, "Oggi si è consumato l'ennesimo episodio di grave disordine: Poggioreale è un carcere con oltre 2500 detenuti e con un poco personale che però in modo encomiabile, continua a svolgere il suo mandato istituzionale". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Universiade 2019
         (ANSA)

        Arredi donati alla protezione civile

        100 kit dismessi dai locali della Mostra d'Oltremare


         (ANSA)

        Basile, un risultato di qualità

        Ancelotti? Se mi avesse chiamato lo avrei rassicurato prima


         (ANSA)

        Ecco i nuovi spogliatoi del San Paolo

        Oggi la visita di De Luca, De Laurentiis e Basile


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere