Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cinquemila tonnellate di rifiuti in un torrente, un arresto

Cinquemila tonnellate di rifiuti in un torrente, un arresto

Operazione dei carabinieri a Reggio Calabria. Quattro indagati

REGGIO CALABRIA, 10 febbraio 2024, 18:38

Redazione ANSA

ANSACheck

Cinquemila tonnellate di rifiuti in un torrente, un arresto - RIPRODUZIONE RISERVATA

Cinquemila tonnellate di rifiuti in un torrente, un arresto -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Cinquemila tonnellate di rifiuti in un torrente, un arresto - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una persona é stata arrestata e posta ai domiciliari dai carabinieri ed altre quattro risultano indagate nell'ambito di un'inchiesta condotta dalla Dda di Reggio Calabria su un'organizzazione criminale che avrebbe gestito un traffico illecito di rifiuti. Secondo quanto è emerso dall'indagine, l'organizzazione avrebbe sversato illecitamente oltre cinquemila tonnellate di rifiuti speciali nel torrente Valanidi, uno dei corsi d'acqua che attraversano Reggio Calabria. 

Alle persone coinvolte nell'indagine, condotta dai carabinieri della Stazione di Rosario Valanidi, vengono contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, disastro e inquinamento ambientale, attività di gestione di rifiuti non autorizzata e occupazione abusiva di suolo pubblico. L'arresto è stato fatto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Reggio Calabria su richiesta del Procuratore della Repubblica, Giovanni Bombardieri, e del Procuratore aggiunto, Stefano Musolino. I

l Gip ha disposto anche il sequestro preventivo dell'intero patrimonio di un'azienda specializzata in attività di demolizione e movimento terra della quale i titolari ed alcuni dipendenti sono le persone indagate. Sono stati sequestrati anche conti correnti bancari, quote sociali, autocarri, mezzi d'opera ed alcune automobili di lusso. Gli indagati hanno un'età compresa tra i 35 e i 65 anni ed alcuni hanno precedenti in materia ambientale e per associazione per delinquere di tipo mafioso.

Alcuni degli stessi indagati, inoltre, in passato, avevano subito provvedimenti antimafia che avevano portato alla confisca di una società operante nello stesso settore dello smaltimento dei rifiuti e riconducibile a locali cosche di 'ndrangheta. Le indagini sono partite da diversi sopralluoghi dei carabinieri sul torrente interessato dallo sversamento illecito dei rifiuti, che avveniva, tra l'altro, in pieno giorno. I rifiuti consistevano soprattutto in inerti provenienti da attività edili.

Alle persone coinvolte nell'indagine, condotta dai carabinieri della Stazione di Rosario Valanidi, vengono contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, disastro e inquinamento ambientale, attività di gestione di rifiuti non autorizzata e occupazione abusiva di suolo pubblico. L'arresto è stato fatto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Reggio Calabria su richiesta del Procuratore della Repubblica, Giovanni Bombardieri, e del Procuratore aggiunto, Stefano Musolino. Il Gip ha disposto anche il sequestro preventivo dell'intero patrimonio di un'azienda specializzata in attività di demolizione e movimento terra della quale i titolari ed alcuni dipendenti sono le persone indagate. Sono stati sequestrati anche conti correnti bancari, quote sociali, autocarri, mezzi d'opera ed alcune automobili di lusso. Gli indagati hanno un'età compresa tra i 35 e i 65 anni ed alcuni hanno precedenti in materia ambientale e per associazione per delinquere di tipo mafioso. Alcuni degli stessi indagati, inoltre, in passato, avevano subito provvedimenti antimafia che avevano portato alla confisca di una società operante nello stesso settore dello smaltimento dei rifiuti e riconducibile a locali cosche di 'ndrangheta. Le indagini sono partite da diversi sopralluoghi dei carabinieri sul torrente interessato dallo sversamento illecito dei rifiuti, che avveniva, tra l'altro, in pieno giorno. I rifiuti consistevano soprattutto in inerti provenienti da attività edili.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza