Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Azienda edile di Palmi, 'noi estranei ad inchiesta sui rifiuti'

Azienda edile di Palmi, 'noi estranei ad inchiesta sui rifiuti'

Precisazione di una società omonima di quella sequestrata

REGGIO CALABRIA, 10 febbraio 2024, 18:34

Redazione ANSA

ANSACheck

"Noi estranei all'inchiesta. È un caso di omonimia". È quanto scrive, in una nota, la "Crucitti Group Srl", una ditta edile di Palmi che ha a che vedere con l'operazione dei carabinieri che, stamattina, nell'ambito di un'indagine relativa a uno scarico illecito di rifiuti speciali nel torrente "Valanidi" hanno sequestrato l'intero patrimonio aziendale della "Crucitti Group Srl" di Reggio Calabria.
    L'azienda omonima di Palmi, in un comunicato, sottolinea la propria "completa estraneità ai fatti oggetto di reato". La società afferma che "l'indagine condotta dai carabinieri, sotto il coordinamento della Dda di Reggio Calabria, che merita il nostro plauso, sul disastro ambientale causato dall'impresa 'Crucitti Group Srl', non ci riguarda. La confusione nasce da un caso di omonimia. La nostra azienda, specializzata nella produzione di calcestruzzo, non è coinvolta assolutamente nella vicenda ed il caso di omonimia ha causato alcune incomprensioni, danneggiando la nostra reputazione".
    "Condanniamo fermamente queste pratiche illegali - proseguono i responsabili della ditta edile - che, oltre a provocare danni irreversibili all'ambiente, danneggiano le imprese che operano nel rispetto della legge".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza