Sei regioni contro parametri ripartizione Psr

Insieme Umbria, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

(ANSA) - PERUGIA, 31 MAR - Sei Regioni italiane - Umbria, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia - si schierano "a difesa" dei fondi europei per lo sviluppo rurale, esprimendo "ferma contrarietà" rispetto all'ipotesi di una revisione dei criteri di ripartizione, "disancorati dal parametro della storicità della spesa, come proposto dalle altre amministrazioni regionali con l'avallo del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali". Una posizione formalizzata in sede di Conferenza Stato-Regioni, al tavolo della Commissione Politiche agricole, dagli assessori all'Agricoltura delle aree che - sostengono - "da sole rappresentano il 60% delle aree italiane interessate dal Psr" che parlano di "scelte illogiche e perciò contestate aspramente".
    La posizione è stata resa nota, con un documento congiunto, da Roberto Morroni, Umbria, Francesco Fanelli, Basilicata, Gianluca Gallo, Calabria, Nicola Caputo, Campania, Donato Pentassuglia, Puglia, e Antonino Scilla, Sicilia.
    Attraverso una nota depositata agli atti dei lavori della Cpa, gli amministratori delle sei Regioni hanno definito come "incomprensibile la proposta di ripartizione dei fondi formulata dal capo di Gabinetto del Ministro. "Essa - si obietta - parte da un presupposto definito incontestabile, cioè che vi siano dei parametri per la ripartizione dei fondi Feasr che sia possibile definire oggettivi, quasi fossero elementi di verità scientifica in grado di rendere giustizia a tutte le Regioni. L'ipotesi logica da cui muove questa osservazione è che si tratti di un criterio in grado di allocare le risorse in maniera equa, essendo già stato utilizzato in altre occasioni, e cioè per l'applicazione delle risorse assegnate per il de minimis".
    Tuttavia, si evidenzia, "l'aiuto de minimis è utilizzato in agricoltura, di norma, per soddisfare esigenze emergenziali, dovute spesso a calamità naturali o a epizoozie e quindi volte al risarcimento del danno. Le risorse del Feasr, al contrario, sono esclusivamente destinate a colmare il divario tra le aree più ricche ed evolute e quelle più povere e marginali, come del resto sostiene lo stesso Commissario europeo all'agricoltura Janusz Wojciechowski". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030


        ANSAcom

        La salute naturale del bambino di Vitalia Murgia (ANSA)

        Tosse e febbre nei bimbi, genitori in ansia per l'autunno

        In 'La salute naturale' pediatra risponde a dubbi più frequenti



        Modifica consenso Cookie