Intesa: Salcioli, da Recovery spinta a finanza sostenibile

Ma servono anche investimenti privati

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 05 FEB - La "finanza si avvia a perdere l'aggettivo sostenibile, ora di moda, perchè sarà sempre più tesa a finanziare il cambiamento e la trasformazione in tutti i settori, paesi e supply chain". E' quanto afferma Gian Marco Salcioli Responsabile Marketing Strategico IMI CIB di Intesa Sanpaolo nel suo intervento all'Assiom Forex, sottolineando come occorre anche capire che "quella green non è una finanza agevolata" ma una finanza "con rendimenti uguali o anche superiori a quelli degli altri investimenti". Certo, riconosce Salcioli, il Recovery Plan, che per l'Italia prevede 78 miliardi circa di investimenti 'verdi' di cui il 40% sono sovvenzioni, "può fare da traino e spinta anche culturale" ma appunto si tratta di "ammontari che non soddisfano la domanda di trasformazione" e quindi "dovranno arrivare gli investimenti privati".
    "La strada indicata dall'amministrazione Biden e la presa di coscienza" generale avranno un ulteriore peso. Infine c'è sicuramente un problema di criteri generali cui gli investimenti devono conformarsi per evitare operazioni solo apparentemente 'verdi' ma "le regole che il settore si darà e il rischio reputazionale", sottolinea Salcioli, saranno un forte strumento di dissuasione più di una regolamentazione imposta dall'alto.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA