Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fintech: cresce il 'district' di Milano, 254 aziende insediate

ANSAcom

Fintech: cresce il 'district' di Milano, 254 aziende insediate

ANSAcom

In collaborazione con EY

Tosi, partiti nel 2017 con 20 realtà; oggi anche player da estero

Milano, 16 febbraio 2023, 17:07

ANSAcom

ANSACheck

Clelia Tosi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Clelia Tosi - RIPRODUZIONE RISERVATA
Clelia Tosi - RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSAcom - In collaborazione con EY

“Il Fintech District ha raggiunto quota 254 aziende rispetto alle 20 con cui siamo partiti nel 2017”. A dirlo è Clelia Tosi, head of Fintech District, la community con sede a Milano che riunisce startup, imprenditori, istituzioni finanziarie, investitori e università.
“L’ecosistema fintech italiano finalmente è maturo. Abbiamo realtà che si stanno posizionando, sia a livello italiano che internazionale, e un’interessante raccolta di investimenti, sia a livello italiano che internazionale”, aggiunge Tosi, sottolineando che i fondi di venture capital “continuano a essere interessati al nostro ecosistema”. In particolare, “i nostri due unicorni, Satispay e Scalapay, sicuramente hanno aiutato a rendere interessante il nostro mercato”. Nel fintech district “stanno arrivando anche grandi player internazionali che entrano perché cominciano ad avere un team anche in Italia”. Secondo Tosi, “il settore con potenziale maggiore è il techfin, ovvero, società ad alto contenuto tecnologico con applicazioni nel fintech, dall’artificial intelligence alla blockchain e le chatbot. Credo che questo abiliterà l’evoluzione futura. Quelli più maturi sono il payments e il lending”

ANSAcom - In collaborazione con EY

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza