Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Avezzano, ordigno fatto brillare nella cava, fine operazioni

Avezzano, ordigno fatto brillare nella cava, fine operazioni

Bomba d'aereo americana da 1000 libbre esplosa alle 15:53

AVEZZANO, 27 febbraio 2023, 10:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' stato fatto esplodere alle 15:53, nella cava della ditta Celi di Massa d'Albe, l'ordigno bellico AN-M65 di 454 kg risalente alla Seconda guerra mondiale, ritrovato ad Avezzano (L'Aquila) l'11 febbraio scorso in via Opi. Le operazioni del pomeriggio sono state lievemente rallentate dalla pioggia che ha imperversato quasi tutto il giorno sulla città.
    Alle 13 la bomba d'aereo americana da 1000 libbre era stata posizionata nel fornello di brillamento costruito dai militari del Sesto Reggimento Genio Pionieri dell'Esercito Italiano. Alle 14.45 il fornello è stato chiuso e l'ordigno caricato con panetti di tritolo per il successivo brillamento.
    Nel frattempo gli operatori della Croce Rossa e i volontari hanno riaperto i varchi e trasportato, dall'Interporto dove avevano trovato ricovero, tutti gli anziani allontanati dai centri in zona rossa; nelle prossime torneranno nelle loro stanze anche i pazienti della clinica Di Lorenzo.
    Rientreranno nelle prossime ore anche i detenuti della casa circondariale di Avezzano.
    "Ringrazio i cittadini di Avezzano per il senso di responsabilità e per il modo esemplare con cui hanno risposto a questa chiamata - ha dichiarato il sindaco Giovanni Di Pangrazio - Avezzano ancora una volta ha dimostrato che nei momenti difficili sa rispondere, ci ha fatto gestire al meglio queste attività difficili e pericolose. Ringrazio tutti i volontari, la protezione civile, i militari del 6° reggimento Genio Pionieri, la Croce Rossa e tutti gli agenti di stato. Un prova di grande responsabilità, di esempio, oggi ha dimostrato Avezzano".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza