Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Si immerge nel fiume per sfuggire alla Polizia, arrestato

Si immerge nel fiume per sfuggire alla Polizia, arrestato

Un tunisino aveva cercato di disfarsi di 500 grammi di hascisc

PADOVA, 02 aprile 2024, 15:35

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Fermato dalla Polizia per un controllo antidroga si immerge nelle acque del fiume per nascondersi agli agenti, che però lo hanno tirato a riva e recuperato oltre mezzo chilogrammo di hascisc. L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio a Padova, dove gli agenti hanno tratto in arresto un 32enne di origini tunisine.
    Durante il servizio di pattugliamento del territorio in città, intorno alle ore 19:00 gli agenti delle Volanti hanno notato l'uomo sul lungargine del canale Portello, che alla vista della pattuglia ha tentato di nascondersi, immergendosi quasi completamente nelle acque, con l'obiettivo di non farsi vedere.
    Uscito dal fiume, il 32enne ha lanciato in acqua un grosso involucro in cellophane che si è rotto, facendo uscire cinque involucri sigillati, con la sostanza stupefacente.
    Accompagnato in Questura e accertata la sua identità, il cittadino tunisino, in Italia senza fissa dimora, la cui richiesta di asilo presentata a Trapani nel marzo 2023 era stata rigettata ad aprile, è stato arrestato. Oggi, giudicato per direttissima, è stato raggiunto da un divieto di dimora a Padova.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza